Mondiali di calcio: cerimonia inaugurale a rischio

Mondiali di calcio: cerimonia inaugurale a rischio
Cerimonia inaugurale a rischio. È questo lo spauracchio maggiore per i Mondiali di calcio in Brasile dopo le tensioni di questi ultimi giorni che hanno causato il blocco, da parte dei dipendenti, della metropolitana di San Paolo.

Sciopero concluso, ma che ha portato con se strascichi fino a minacciare il ritorno in piazza qualora non dovessero essere accolte le loro richieste.

Per i sindacati promotori lo sciopero potrebbe riprendere proprio giovedì, giorno in cui si darà il via ufficiale ai Mondiali di calcio con la partita inaugurale che si terrà proprio nella città di San Paolo, presso lo stadio Corinthians Arena.

Tensioni e crisi di un popolo che sta attraversando tutto il Brasile, con i sindacati pronti a estendere la protesta anche a Rio de Janeiro.

Intanto nella giornata di ieri, dopo la momentanea sospensione della protesta, si è deciso di rinviare a domani un incontro con i rappresentanti del governo che probabilmente servirà a far rientrare l’allarme.

“Mercoledì terremo una nuova assemblea generale per decidere se riprendere lo sciopero giovedì - ha affermato il presidente del sindacato dei dipendenti della metropolitana, Altino Melo dos Prazeres - dipenderà dal reintegro di 42 lavoratori”.

Proteste che rappresentano una vera minaccia dato che la metropolitana rappresenta il principale mezzo di trasporto pubblico in Brasile per i tifosi.

Francescochristian Schembri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato in Attualità
Francescochristian Schembri

Nato ad Agrigento dove vive e risiede, è giornalista pubblicista dal 2012. Ha collaborato con testate nazionali e locali e si occupa principalmente di tematiche politico-economiche. Laureando in giurisprudenza, ha maturato esperienze politico amministrative nel settore ambientale e delle politiche universitarie. Appassionato di studi storici, ha come hobby la lettura in ambito filosofico e storico. 


 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI