Napolitano conferma: il mio mandato a termine

Giorgio Napolitano Giorgio Napolitano C. Laruffa © Agr
“Non potevo mancare visto il temporaneo prolungamento del mio mandato che cerco di esercitare, nei limiti del possibile, fermamente e rigorosamente nell’interesse del Paese”. Con queste parole il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, interviene al Quirinale in occasione dei premi David di Donatello.

 

“L’interesse generale del Paese – continua Napolitano – suggerisce cambiamenti e riforme in molti campi, anche in quello istituzionale”.

Rieletto per la seconda volta nell’aprile del 2013, il presidente Napolitano accettò dopo il fallimento di due nomi eccellenti come quello dell’ex presidente del Senato Franco Marini e quello dell’ex premier Romano Prodi. Una situazione avallata da una crisi politico-economica avvertita in tutto il Paese che portò Giorgio Napolitano ancora una volta ad accettare il delicato ruolo, la prima volta nella storia repubblicana.

Una rielezione che lo stesso Napolitano definì a termine: “Ho accolto la sollecitazione a rendermi disponibile per una rielezione solo per senso del dovere in un momento grave per la Nazione: essendo urgente sbloccare la formazione di un Governo che affrontasse le difficoltà in cui si trovano oggi troppe famiglie, troppe imprese, troppi lavoratori italiani”.

Oggi, a 88 anni il presidente della Repubblica ricorda dunque la sua intenzione, sollecitando ancora una volta la classe politica ad effettuare le riforme cui il Paese ha bisogno.

Francescochristian Schembri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato in Attualità
Francescochristian Schembri

Nato ad Agrigento dove vive e risiede, è giornalista pubblicista dal 2012. Ha collaborato con testate nazionali e locali e si occupa principalmente di tematiche politico-economiche. Laureando in giurisprudenza, ha maturato esperienze politico amministrative nel settore ambientale e delle politiche universitarie. Appassionato di studi storici, ha come hobby la lettura in ambito filosofico e storico. 


 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI