Piero Macchi, l'imprenditore rimasto "operaio". Prima di morire dona 1,5 milioni di euro ai suoi dipendenti

Piero Macchi, l'imprenditore rimasto "operaio". Prima di morire dona 1,5 milioni di euro ai suoi dipendenti varesenews
Muore a 87 anni nel giugno 2015, per Dicembre aveva già pensato a una sorpresa da mettere sotto l'albero di Natale dei i suoi dipendenti. 

Una vita trascorsa “a comandare” la sua azienda, la Enoplastic di Bodio Lomnago situata a Varese fondata nel 1957 e oggi leader nel settore di capsule e chiusure per bottiglie di vino: conta 280 dipendenti e quattro filiali in Spagna, Nuova Zelanda, Australia e Stati Uniti ed esporta in 86 paesi del mondo. Prima di morire lascia una grossa ricompensa, in busta paga, ai suoi operai: un milione e mezzo di euro. Era una delle sue ultime volontà, che aveva espresso prima di spegnersi all’età di 87 anni. Scrisse un testamento: la cifra doveva essere distribuita a Dicembre tra i 280 lavoratori con importi variabili a seconda dell’anzianità e livello di servizio di quest'ultimi.

Altro che comandante: Piero Macchi era un leader sia nel suo campo sia nei confronti dei suoi dipendenti. La moglie e la figlia hanno spiegato che ha agito fino all’ultimo in modo consapevole affidandosi ad un notaio di fiducia e ad un consulente del lavoro.

Non è finita qua: l’imprenditore dal cuore rimasto "operaio" ha voluto devolvere una cifra anche all’ospedale di Varese, dove era stato più volte ricoverato, comprando anche un’ambulanza dopo aver scoperto che quella su cui era stato trasportato era tutt’altro che in ottime condizioni.



 

Pubblicato in Attualità
Davide Garritano

Speaker radiofonico e redattore sportivo. Conduce un programma musicale nella web radio, “Radio FinestrAperta”. Ha scritto per il blog d’informazione “Tribuna Italia” e per la testata giornalistica “Roma che verrà”. Il suo motto è : “Perde solamente colui che nella vittoria non hai mai creduto”.


 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI