Premio Roma per la Pace 2012

Nell’ambito del tradizionale Concerto di Natale dell’Accademia di Santa Cecilia presso l’Auditorium Parco della Musica, la cerimonia di conferimento del Premio Roma per la Pace e l’Azione Umanitaria.

Nell’ambito del tradizionale Concerto di Natale dell’Accademia di Santa Cecilia presso l’Auditorium Parco della Musica, la cerimonia di conferimento del Premio Roma per la Pace e l’Azione Umanitaria.

premioromaperlapace

La città di Roma conferisce, ogni anno sin dal 1994, il Premio Roma per la Pace e l’Azione Umanitaria. Con tale premio s’intende attribuire un riconoscimento concreto ad una personalità o ad un’organizzazione, italiana o straniera, distintasi per l’impegno profuso a favore del rispetto dei diritti umani, della non violenza e della pace. Il Premio Roma per la Pace e l’Azione Umanitaria è stato istituito nella prospettiva di accrescere il rilievo di Roma come importante crocevia internazionale, centro di dialogo tra popoli e paesi diversi.

Il Premio, nelle precedenti edizioni è stato assegnato, tra gli altri, ad eminenti personalità del mondo religioso, come Sua Santità Papa Giovanni Paolo II, dell’economia, come Muhammad Yunus, della politica internazionale, come Ingrid Betancourt o della difesa dei diritti umani, come Aung San Suu Kyi e Khady Koita. Nel 2011, infine è stato assegnato a Lina Ben Mehenni, simbolo della lotta pacifica per i movimenti popolari della cosiddetta Primavera Araba.

Per l’edizione 2012, il Sindaco ha conferito il Premio Roma per la Pace e l’Azione Umanitaria a Malala Yousafzai, giovanissima adolescente pakistana a cui la Città di Roma ha già attribuito la cittadinanza onoraria il 26 novembre 2012.

Malala è nata a Mingora, nel distretto della Valle dello Swat in Pakistan, il 12 luglio 1997. Il 9 ottobre scorso, mentre lasciava la scuola per tornare a casa, è stata vittima di un grave attentato compiuto dai talebani, con l’intento di fermare l’impegno di Malala per la lotta alla violenza contro le donne e per la battaglia per il diritto all’istruzione senza distinzione di genere in un luogo dove imperano arretratezza e fondamentalismo.

Il Premio è stato ritirato il padre di Malala, Zia Ud Din, in quanto la giovane adolescente è ancora ricoverata in ospedale a Birmingham, a causa delle gravi ferite riportate nell’attentato.

Con questo Premio Roma Capitale intende richiamare l’attenzione, in sede nazionale e internazionale, sul permanere di drammatiche questioni del nostro tempo, riaffermando il valore impareggiabile del diritto all’istruzione come strumento di emancipazione e crescita per ogni essere umano e assumendosi la responsabilità di affiancare e sostenere tutti coloro che nel mondo si battono contro la violenza sulle donne, per la giustizia e per la dignità umana.

Pubblicato in Attualità
Giovanni Currado

Responsabile editoriale dell'agenzia Agr Srl.
Giornalista e fotografo, autore di diversi reportages in Asia e Africa. Responsabile dello studio dell'immenso archivio fotografico Riccardi e curatore della collana "Fotografici" per Armando Editore.

Contatti

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI