Rinvio a giudizio per Virginia Raggi

Virginia Raggi Virginia Raggi G.Currado © Agr
La Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per la Sindaca Virginia Raggi, con l’accusa di falso documentale nell’ambito dell’inchiesta nomina di Renato Marra.

La vicenda risale allo scorso ottobre, quando Renato Marra, fratello di Raffaele, viene trasferito dalla polizia municipale e nominato capo del Dipartimento del Turismo del Campidoglio con un incremento di stipendio pari a 20 mila euro. Ciò generò un conflitto d’interessi, segnalato dall’Anac, in quanto essendo Raffaele Marra capo del Dipartimento del Personale si sarebbe dovuto astenere nel nominare il fratello.
È in questo momento che avvengono i fatti contestati alla Raggi: consapevole del parere dell’Anac, lei nega le responsabilità di Marra affermando di aver deciso tutto da sola senza il coinvolgimento del capo del Dipartimento.
Queste sue dichiarazioni però verranno smentite nel corso delle indagini, grazie ad alcuni messaggi ritrovati sul cellulare di Marra, sequestrato in seguito al suo arresto per corruzione.
In un messaggio scambiato con l’ex capo del Personale Raggi scrive: «Raffaele, questa cosa dello stipendio mi mette in difficoltà, me lo dovevi dire». A quel punto Marra risponde: «Se lo avessi fatto vicecomandante, la fascia era la stessa». La Raggi replica subito dopo: «Infatti abbiamo detto vice no. Abbiamo detto che restava dov’era con Adriano». E lui: «E infatti con Adriano il posto era quello di cui abbiamo sempre parlato». 
Questa la prova che la nomina fu concordata con Marra e che quindi la Sindaca ha mentito all’Anticorruzione del Comune. 
Viene invece chiesta l’archiviazione per il reato di abuso di ufficio per le procedure di promozione di Salvatore Romeo, che gli aveva procurato una triplicazione dello stipendio. Secondo i pubblici ministeri Francesco Dall'Olio e Paolo Ielo la procedura seguita dalla Sindaca non è corretta ma segue una prassi già utilizzata dai suoi predecessori e soprattutto non è stata fatta con dolo.
Beppe Grillo, Garante del M5S, si è quindi detto «molto soddisfatto che i due reati più gravi siano stati archiviati». 
Ma la stessa Raggi, con un post su Facebook commenta l’accaduto, tenendo alta l’attenzione sulla richiesta d’archiviazione, ma glissando sul rinvio a giudizio:
«Apprendo con soddisfazione che, dopo mesi di fango mediatico su di me e sul MoVimento 5 Stelle, la Procura di Roma ha deciso di far cadere le accuse di abuso d'ufficio.
Secondo i pm di Roma ho rispettato la legge nella scelta del capo della segreteria politica e del dirigente al dipartimento Turismo ed è stata chiesta l'archiviazione per ambedue le ipotesi di reato.
Per la Procura ho seguito tutte le norme. Non ci sarebbe mai stata alcuna promozione che non doveva essere fatta come volevano far credere Pd e destra. Non avrei commesso alcun reato per la nomina di Salvatore Romeo: non c’è mai stato alcun ingiusto aumento dello stipendio.
Un’accusa infamante riportata per mesi dai giornali e cavalcata dall’opposizione nel tentativo di screditare me ed il MoVimento 5 Stelle. Così come non ci sarebbe alcun abuso nella nomina di Renato Marra.
Lo ripeto: ritengo di aver agito secondo la legge. Dopo mesi di indagine, lo attesta la stessa magistratura inquirente.
Per mesi i media mi hanno fatta passare per una criminale, ora devono chiedere scusa a me e ai cittadini romani. E sono convinta che presto sarà fatta chiarezza anche sull'accusa di falso ideologico.
Abbiamo sempre avuto grande fiducia nella magistratura e continueremo ad averne».

 
Pubblicato in Attualità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI