Roma: Marino stacca Alemanno e punta gli elettori Ms5

In questo periodo di forte incertezza politica, notizie non rassicuranti arrivano dalle elezioni comunali per Roma.

elezioni

In questo periodo di forte incertezza politica, notizie non rassicuranti arrivano dalle elezioni comunali per Roma.

Il dato su cui si concentra l’attenzione è il forte astensionismo segno evidente di una disaffezione, soprattutto dei giovani, nei confronti della politica. I dati provenienti dal Ministero dell’Interno dicono che si sono recati alle urne solamente il 52,80% degli aventi diritto contro il 73,66% delle precedenti amministrative. Il partito del “non voto” è quindi considerato il vincitore di queste elezioni e diventa ora l’oggetto del desiderio di Giovanni Alemanno, candidato del centrodestra, e Ignazio Marino, candidato del centrosinistra che si sfideranno nel ballottaggio che si terrà tra 15 giorni. Simbolico è il crollo del M5S che si ferma intorno al 13%, un grave colpo probabilmente inaspettato dopo il grande risultato alle politiche di febbraio. “Non è un dramma, il MoVimento va valutato nel lungo periodo, abbiamo dato il 100% e ora entriamo in consiglio comunale.” Così Marcello De Vito, candidato sindaco del M5S, commenta il risultato elettorale nella conferenza stampa tenutasi nel pomeriggio. Il centrosinistra si attesta al 42% con Marino che non esita a rassicurare i 5 Stelle in conferenza stampa, garantendo che i loro principali temi sono e saranno anche i suoi, come i costi della politica e la trasparenza del bilancio. Sul versante opposto troviamo un centrodestra che fa sentire i suoi 250.000 voti con le dichiarazioni di Alemanno "Per me la partita è aperta: bisogna combattere fino alla fine per il bene di Roma. Dobbiamo portare al voto metà dei romani, bisogna capire il perché dell'astensionismo soprattutto dei giovani". Un ruolo importante viene giocato anche da Alfio Marchini sostenuto dalla sua lista indipendente che arriva al 9%, i suoi voti potrebbero rivelarsi preziosi e decisivi se il leader decidesse di prendere le posizioni di uno dei due contendenti al secondo turno, “Valuteremo il programma, non sarò il vice di nessuno. Sono molto soddisfatto del risultato ottenuto. Cercheremo di contare il più possibile nel governo della città per difendere chi ci ha dato la delega del voto" dichiara Marchini.

Agostino Cecere

Pubblicato in Attualità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI