Sindaco-sceriffo attraversa la notte romana in sella alla sua moto

Alemanno, sindaco-sceriffo, decide di "pattugliare" la notte romana in sella alla sua moto per capire meglio le problematiche di cui Roma soffre dopo il calar del sole.

Alemanno in_moto

 Alemanno, sindaco-sceriffo, decide di "pattugliare" la notte romana in sella alla sua moto per capire meglio le problematiche di cui Roma soffre dopo il calar del sole.

Solitario sulla sua motocicletta percorre le strade della metropoli buia e scura dietro le scie delle sue due ruote, solo il buio, davanti a se una città che chiede di essere salvata. L'incipit sembrerebbe quello di un fumetto o di un film di azione. Nonostante possa sembrare a dir poco singolare, a percorrere di notte le strade di Roma ci sarà Gianni Alemanno. Il primo cittadino della capitale. Sebbene la notizia potrebbe sembrare la classica "bufala" inventata ad arte, da qualche buontempone del web che voglia divertirsi alle spalle del sindaco, stavolta la smentita è invece a favore del dinamico Alemanno che, per poter capire meglio le problematiche della città della quale è responsabile, ha deciso di scendere "sulle strade della sua città". Al fianco della polizia in una operazione antiprostituzione, il sindaco ha percorso, al fianco dei poliziotti, quelle zone dove il degrado ha raggiunto livelli preoccupanti e intollerabili. Alla conferma di questa notizia sono subito esplosi pareri e opinioni contrastanti: cittadini a favore, altri meno, alcuni divertiti altri poco fiduciosi. Accostato dai suoi detrattori in modo ironico al Batman delle pellicole recenti, che proprio su una due ruote pattuglia Gotham, il primo cittadino di Roma è stato paragonato persino ad icone cinematografiche che hanno incarnato il mito del "pistolero solitario" da Charles Bronson a John Wayne passando per Clint Eastwood, la trovata di Alemanno ha sicuramente divertito i più, che diffidando della bontà ,e soprattutto dell'efficacia di questi "tour notturni", sostengono l'ipotesi della mera trovata elettorale. Nell'attesa del secondo episodio, restiamo sintonizzati.

Luigi Paolicelli

Pubblicato in Attualità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI