Spagna, la corona a Felipe IV

Spagna, la corona a Felipe IV © SERGIO BARRENECHEA
Dopo la firma dell’ormai ex Re di Spagna, Juan Carlos I, con la quale ha siglato la legge che gli consente di abdicare, oggi è il giorno del figlio Felipe, suo successore dopo ben 38 anni, 6 mesi e 27 giorni di trono del padre.

Una decisione forse inattesa quella di Juan Carlos che comunque si sposa con la sua ripetuta intenzione di “dare il passo ad una nuova generazione”.

E di nuova generazione si tratta, visto che oggi salirà al trono Felipe IV di Borbone in una cerimonia riservata a circa duemila ospiti senza la presenza di alcun capo di stato. Infatti tra i presenti  si registrano solo ambasciatori, politici, imprenditori e giornalisti.

Un basso profilo che lo stesso Felipe ha manifestato durante il discorso di proclamazione davanti al Congresso dei Deputati, con il quale si è rivolto agli spagnoli presentando le linee guida del suo regno.

“Una monarchia rinnovata per un tempo nuovo”. Queste le prime parole durante il discorso di investitura che ha visto partecipare anche le figlie, prima fra tutte Leonor (destinata a diventare regina in assenza di fratelli maschi), e la madre Sofia.

“Inizio il mio regno con profonda emozione – sottolinea Felipe IV – per l’onore che presuppone ricevere la corona. Giuro di assolvere fedelmente alle mie funzioni, di rispettare e far rispettare la Costituzione e le leggi, di rispettare i diritti dei cittadini e delle regioni autonome. La mia fedeltà alla Costituzione è un valore irrinunciabile, saprò onorare il mio giuramento”.

“Noi vogliamo una Spagna – continua il neo re – in cui ogni cittadino ritrovi la fiducia nelle istituzioni e dove tutti i modi di sentirsi spagnoli abbiano il proprio posto" sottolinea nel suo discorso il nuovo re, rispondendo agli scandali che hanno messo in dubbio il senso stesso della monarchia assicurando che seguirà "una condotta integra, onesta e trasparente”.

Un Felipe che parte dunque con il piede giusto, riuscendo a comunicare ciò che il popolo voleva sentirsi dire: un re che serve la Spagna.

Francescochristian Schembri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto © SERGIO BARRENECHEA

 

 

Pubblicato in Attualità

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI