XII Evento Annuale Ericsson: Si apre un nuovo decennio di innovazioni, con 50 miliardi di connessioni nel mondo

In occasione del XII Evento Annuale organizzato da Ericsson, rappresentanti istituzionali, dell’industria e operatori, si sono confrontati sull’evoluzione dello scenario delle telecomunicazioni in Italia, analizzando le opportunità a livello socio-economico. Un confronto che ha messo in luce la centralità delle Telecomunicazioni quale motore di innovazione e leva strategica per lo sviluppo del Sistema Paese.
 
EricssonIn occasione del XII Evento Annuale organizzato da Ericsson, rappresentanti istituzionali, dell’industria e operatori, si sono confrontati sull’evoluzione dello scenario delle telecomunicazioni in Italia, analizzando le opportunità a livello socio-economico. Un confronto che ha messo in luce la centralità delle Telecomunicazioni quale motore di innovazione e leva strategica per lo sviluppo del Sistema Paese.

Secondo le previsioni di Ericsson infatti, entro il 2020 ci saranno 50 miliardi di dispositivi connessi a livello globale, che integrati nei processi e nei servizi, creeranno nuove e infinite opportunità di interazioni, con un impatto determinante su imprese, istituzioni e individui.
“Integrando le tecnologie di comunicazione nei processi urbani, è possibile promuovere lo sviluppo della società, generando vantaggi per i cittadini. La moltiplicazione delle connessioni digitali, soprattutto in ottica M2M, consente infatti di ridurre le inefficienze del sistema cittadino, ottimizzando ad esempio la mappatura e la mobilità urbana attraverso una
gestione sostenibile. Sarà inoltre fondamentale la creazione di nuovi tipi di partnership, nel settore pubblico e privato, per incrementare l'utilizzo dei dispositivi connessi nei vari ambiti socio-economici." ha dichiarato Carlo Ratti, MIT - Massachusetts Institute of Technology.
L’evoluzione delle Telecomunicazioni, unita all’Information & Technology, si conferma così il motore dell’innovazione che coinvolge tutti i settori - dalle comunicazioni personali, all’ambito domestico; dai trasporti alle utilities; dalla sanità, all’industria e alla pubblica amministrazione – generando benefici alla collettività, come la riduzione della spesa pubblica e privata, l’aumento dell’efficienza dei servizi, la riduzione delle emissioni di CO2, la semplificazione dei processi e l’aumento di competitività aziendale.

A tal proposito, una ricerca condotta da Ericsson, dimostra come ogni 10% di incremento di penetrazione di banda larga, genera un aumento del 1% del PIL; così come, per ogni 1000 nuovi utenti di banda larga, si creano 80 nuovi posti di lavoro.
Secondo uno studio IOBE (Institute for Financial studies in Greece) inoltre,  l’utilizzo di sei applicazioni in mobilità (e-commerce, e-health, telelavoro, e-government, gestione del traffico, entertainment) consente, a ogni cittadino, di risparmiare fino a 234 ore per anno, incidendo positivamente sulla qualità della vita degli individui.

“Siamo di fronte all’“ICT Revolution”, un momento cruciale nel quale l’evoluzione delle ICT sarà un elemento cruciale di competitività e avrà un impatto sempre più determinante sull’economia e sulla società, generando uno sviluppo sostenibile e migliorando la qualità della vita” ha dichiarato Cesare Avenia, Chief Brand Officer di Ericsson, Presidente e Amministratore Delegato di Ericsson Italia.
Affinchè tale impatto sia efficace per l’intero Sistema Paese, anche in Italia occorre coordinare tale processo evolutivo attraverso un ecosistema nazionale che coinvolga tutti i principali attori  – le diverse Industry, il Governo, le Authorities, gli operatori – favorendo sinergie e condividendo esperienze e opportunità.
 
Foto M.Riccardi - Agrpress
 

Ericsson2

 

Guarda tutte le foto dell'evento su ArchivioRiccardi.it

 

gallery

 
 

{{google}}

Pubblicato in Attualità

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI