15 anni senza Teresa Wright, interprete di La signora Miniver, L’ombra del dubbio e Notte senza fine

Teresa Wright in "Fuga nel tempo" di Irving Reis Teresa Wright in "Fuga nel tempo" di Irving Reis
Quindici anni fa moriva a New Heaven - nel Connecticut - la grande attrice americana, interprete di film quali “Piccole volpi”, “La signora Miniver” e “I migliori anni della nostra vita” di William Wyler, “L’idolo delle folle” di Sam Wood, “L’ombra del dubbio” di Alfred Hitchcock, “Notte senza fine” di Raoul Walsh, “Fuga nel tempo” di Irving Reis, “Uomini” di Fred Zinnemann, “La belva” di William A. Wellman e molti altri.

Nata a New York nell’ottobre 1918, dopo alcune esperienze teatrali esordisce al cinema in Piccole volpi (1941) di William Wyler, con Bette Davis, e con cui ottiene una Nomination all’Oscar come Miglior Attrice Non Protagonista.

Gli anni Quaranta saranno per lei il decennio migliore (tre Nomination, un Oscar, una fortunata rosa di registi e film di alto livello). Il suo primo “mentore” è W. Wyler, il quale, dopo Piccole volpi, la vuole per La signora Miniver (1942), tratto dal libro omonimo di Jan Struther, e con cui vince l’Oscar come Miglior Attrice Non Protagonista.

Funzionale ai toni di sentimentalismo della biografia del giocatore di baseball Lou Gehrig (interpretato da Gary Cooper) in L’idolo delle folle (1942) di Sam Wood, Alfred Hitchcock piega la sua attitudine a personaggi ingenui e sensibili verso la spirale del thriller (L’ombra del dubbio - 1943 -, scritto dallo stesso A. Hitchcock insieme a Thornton Wilder).

Nuovamente diretta da William Wyler in I migliori anni della nostra vita (1946), apice del melodramma in chiave realista (è considerato - insieme a Anime ferite e Odio implacabile di Edward Dmytryk - il miglior film americano sulla tematica dei reduci di guerra e sul loro difficile reinserimento nella vita civile), maschera tragica per Raoul Walsh (Notte senza fine - 1947 -, ottimo noir di ambientazione western interpretato da Robert Mitchum, Judith Anderson, Dean Jagger e John Rodney), recita ancora con R. Mitchum in un kammerspiel di sfondo western (La belva - 1954 - di William A. Wellman).

A partire dagli anni Sessanta lavora soprattutto a teatro ed in televisione.

Fra gli altri film ricordiamo Le tre donne di Casanova (1944) di Sam Wood, La donna di quella notte (1947) di Lewis Allen, The Trouble With Women (1947) di Sidney Lanfield, Fuga nel tempo (1948) di Irving Reis, con David Niven, Farley Granger e Evelyn Keyes, All’alba giunse la donna (1950) di John Sturges, Uomini (1950) di Fred Zinnemann, con Marlon Brando (al suo esordio cinematografico), Something to Live For (1952) di George Stevens, La conquista della California (1952) di Lew Landers, La morsa d’acciaio (1952) di Andrew L. Stone, Le ore sono contate (1953) di Don Siegel, L’attrice (1953) di George Cukor, La vita oltre la vita (1956) di Noel Langley, Due gentiluomini attraverso il Giappone (1957) di Arthur Lubin, The Restless Years (1958) di Helmut Kautner, Hail, Hero! (1969) di David Miller, Lieto fine (1969) di Richard Brooks, Roseland (1977) di James Ivory, Ovunque nel tempo (1980) di Jeannot Szwarc, Diritto d’amare (1988) di Leonard Nimoy, L’uomo della pioggia (1997) di Francis Ford Coppola, tratto dal libro omonimo di John Grisham ed interpretato da Matt Damon e Jon Voight.

Molto attiva, come già detto, anche in televisione, è apparsa in vari film tv (Perry Mason - Crimini di guerra - 1990 - di Christian Nyby II, con Raymond Burr, Barbara Hale, William R. Moses, Ian Bannen e Terry O’ Quinn) ed in alcuni episodi di telefilm e serie tv (Bonanza, L’ora di Hitchcock, Perry Mason, La parola alla difesa, Difesa a oltranza, Love Boat, La signora in giallo, La famiglia Brock).

Alla fine degli anni Novanta si ritira a vita privata.

Pubblicato in Cinema

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.


 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI