40 anni senza John Cazale, interprete de “Il Padrino”, “Quel pomeriggio di un giorno da cani” e “Il cacciatore”

John Cazale con Al Pacino in "Quel pomeriggio di un giorno da cani" di Sidney Lumet John Cazale con Al Pacino in "Quel pomeriggio di un giorno da cani" di Sidney Lumet
Quarant’anni fa nel marzo 1978, moriva a New York all’età di quarantatré anni il grande attore italo-americano, noto per film quali “Il Padrino”, “Il Padrino - Parte II” e La conversazione”, tutti e tre diretti da Francis Ford Coppola, “Quel pomeriggio di un giorno da cani” di Sidney Lumet e “Il cacciatore” di Michael Cimino.

«Era il mio compagno di recitazione ideale. Avrei voluto recitare con lui sempre, per tutta la vita» (Al Pacino)

 Nato a Revere - nel Massachusetts - nell’agosto 1935, studia teatro alla Boston University e alla fine degli anni Cinquanta fa amicizia con Al Pacino.

 Si trasferisce a New York per partecipare a spettacoli teatrali e lavori televisivi, e nel frattempo, lavora per una compagnia petrolifera. Dopo alcune performance teatrali - alcune fra le quali dividendo il palcoscenico con il suo amico Al Pacino -, esordisce al cinema conquistando sia il pubblico sia la critica nel ruolo di Fredo Corleone ne Il Padrino (1972) e Il Padrino - Parte II (1974) di Francis Ford Coppola, il quale lo dirige anche ne La conversazione (1974).

L’anno seguente recita per la prima volta in un film non diretto da Francis Ford Coppola: Quel pomeriggio di un giorno da cani (1975) di Sidney Lumet, in cui lavora con Al Pacino e con cui ottiene una Nomination al Golden Globe come Miglior Attore Non Protagonista.

Tre anni dopo, nonostante fosse al corrente di avere un cancro ai polmoni, John Cazale continua caparbiamente a lavorare per portare a termine il suo ultimo film, il celeberrimo Il cacciatore (1978) di Michael Cimino, in cui recita con Robert De Niro, Christopher Walken (il quale vincerà l’Oscar come Miglior Attore Non Protagonista) e la giovane Meryl Streep al suo secondo film (aveva esordito al cinema l’anno avanti in Giulia di Fred Zinnemann, con Vanessa Redgrave, Jane Fonda e Jason Robards).

Quando la Universal scopre che John Cazale ha di fronte a sé solo pochi mesi di vita, si dimostra contraria ad assicurarlo, in quanto la sua morte prima della fine delle riprese avrebbe rappresentato un costo in più per la produzione. Tuttavia, Michael Cimino, Robert De Niro e Meryl Streep riuscirono a convincere gli “sciacalli” a tornare sui loro passi. Grazie ad alcune modifiche del piano di lavorazione del film, John Cazale porterà a termine tutte le scene in cui era presente, ma non riuscirà mai a vedere il film finito, in quanto morirà prima della fine delle riprese.

Nel 2008, il regista Richard Shepard realizzerà il documentario I Knew It Was You, in occasione del trentesimo anniversario della sua scomparsa.

John Cazale detiene un singolare record: tutti i film da lui interpretati nel corso della sua breve carriera cinematografica - durata solo sei ann, dal 1972 al 1978 -, compreso quello uscito postumo (Il cacciatore), hanno avuto la Nomination all’Oscar, come Miglior Film.

Pubblicato in Cinema

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.

Fotonews

Premio Guido Carli 2021

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI