Box office, incassi fiacchi: a vincere è The Conjuring – il Caso Enfield

foto di scena foto di scena film.it
Un mix temibile per il box office italiano: Europei di calcio e weekend torrido fanno male al botteghino tricolore.

Così il week end cinematografico di apertura del mese di luglio ha il triste sapore di un agosto torrido, con gli incassi che sono calati del 60% rispetto a 7 giorni fa e del 20% rispetto a dodici mesi fa. A regnare al primo posto è il sequel “The Conjuring – il Caso Enfield” che tiene ancora la testa della classifica guadagnando nel week end 363mila euro, portando a casa un totale di 1,7 milioni di euro. Secondo posto per il lungometraggio d’animazione della Rovio “Angry Birds: il film” che guadagna 189mila euro per un totale complessivo di 2,5 milioni. Terzo classificato la nuova uscita “My Bakery in Brooklyn” che guadagna 178mila euro e una media per sala di 1500 euro, la migliore di tutta la top ten. Non apre invece in modo positivo un altro sequel, “Cattivi Vicini 2”, racimolando 166mila euro in quattro giorni. Al quinto posto “Dragon Blade” che debutta con un incasso di 40mila euro mentre alla sesta posizione da segnalare “Now You See Me 2” che incassa 116mila euro nel nostro paese.
Situazione invece completamente diversa negli Stati Uniti. Quello appena passato è stato il lungo weekend del 4 Luglio, storicamente uno dei più redditizi negli Stati Uniti. A trionfare è il blockbuster di animazione della Pixar “Alla Ricerca di Dory”, il sequel di Finding Nemo, che per il terzo weekend consecutivo, trionfa al box office americano, guadagnando addirittura 41.9 milioni di dollari, raggiungendo un totale di 372 milioni di dollari. Il film evidentemente sta godendo di un ottimo passaparola: sicuramente si trasformerà nella maggio successo dello studio di animazione della Disney nel mercato nordamericano. La portata di 415 milioni di dollari incassati da Toy Story 3 sarà sicuramente raggiunta e superata, magari già dal prossimo fine settimana.
Il posto numero 2 è appannaggio de “La Leggenda di Tarzan”, che incassa oltre 38 milioni di dollari in tre giorni: un risultato superiore alle attese, eppure i 180 milioni di dollari del budget dovranno essere recuperati soprattutto sui mercato internazionali, dove finora il film ha incassato 19 milioni di dollari.
Terza posizione per “La Notte del Giudizio: Election Year”,  che guadagna ben 30.9 milioni di dollari, in linea con gli incassi dei primi due film. La pellicola si può definire già un successo, essendo costata solo 10 milioni di dollari. A deludere le aspettative è il nuovo film di Steven Spielberg, “Il GGG” che si porta a casa solo 19,6 milioni di dollari nel suo week end di apertura. Con un costo di 140 milioni di dollari, è uno dei blockbuster flop dell’anno e uno dei peggiori di Steven Spielberg. Scende infine in quinta posizione “Independence Day: Rigenerazione”. Nel suo secondo weekend il film di Roland Emmerich ha incassato solo 16.5 milioni di dollari, raggiungendo i 76.3 milioni complessivi. Una cifra bassa per il mercato USA. Per riuscire a recuperare il budget dovrà necessariamente guardare ai mercati esteri in cui il film ha già raccolto 250 milioni di dollari.

Pubblicato in Cinema
Giacomo Visco Comandini

Laureato alla Sapienza, dal 2008 è uno dei redattori di Enel.tv, la televisione aziendale di Enel. Appassionato di cinema, ha collaborato per la rivista Filmaker’s MagazineIl Riformista e la Repubblica

Fotonews

Quentin Tarantino alla Festa del Cinema di Roma

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI