Conclusa con ospiti d'eccezione la prima edizione del Caltagirone Short FilmFest

Conclusa con ospiti d'eccezione la prima edizione del Caltagirone Short FilmFest foto Giovanni Canfailla
Fra gli ospiti della serata di chiusura il regista Piero Messina e l'attrice Lucia Sardo.

Si è conclusa con grandi emozioni e ospiti d’eccezione martedì 19 luglio 2022 la prima edizione del Caltagirone Short FilmFest. La kermesse in quattro serate ha portato il cinema e i suoi protagonisti nel centro storico della cittadina siciliana - famosa in tutto il mondo per le sue architetture barocche - premiando cortometraggi e documentari italiani e stranieri.

La serata conclusiva della kermesse ha preso il via in una gremita piazza del Municipio, condotta con maestria da Salvo La Rosa, il quale ha subito lanciato la proiezione degli ultimi due corti fuori concorso: Maestrale di Nico Bonomolo - alla presenza del regista -, film già vincitore del David di Donatello 2022, e Paolo e i suoi angeli di Giulia Galati, alla presenza dell'attore Rosario Terranova, qui nel ruolo di Paolo Borsellino.

Numerosi gli ospiti sul palco fra i quali lo scrittore e sceneggiatore bagherese Paolo Pintacuda, autore del romanzo Jaco e già protagonista di una chiacchierata a tu per tu con il giornalista Omar Gelsomino.

Il pubblico ha poi applaudito calorosamente il soprano Marianna Cappellani, interprete di un apprezzatissimo omaggio a Giovanni Verga tratto dalla Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni e accompagnata al pianoforte dal Maestro Ninni Spina; l'attore Bruno Torrisi, il quale ha recitato il commovente monologo Sono solo un uomo, dedicato alla memoria di Giovanni Falcone (1939-1992), del quale, lo scorso 23 maggio, ricorreva il trentesimo anniversario del barbaro assassinio.

Il pubblico ha poi assistito alla proiezione del corto La Nebbia di Nanni Palma, vincitore del Premio Globus Award - Critica Televisiva e Cinematografica, e si è parlato ancora di cinema italiano con l'attrice Lucia Sardo, vincitrice del Premio “Luigi Sturzo”, con il regista Paolo Messina e con la regista Emma Cecala, vincitrice del premio Miglior Corto Siciliano con QuarantacinqueQuindiciVentiquattro, film che è valso il premio miglior interprete siciliano anche ai suoi attori Stefania Blandeburgo e Toti e Totino, al secolo Salvatore Mancuso e Salvatore La Mantia.

L’irresistibile duo comico ha poi “tenuto banco” con la sua proverbiale e dirompente ironia, entusiasmando il pubblico presente.

Grande il finale ricco di emozione con la Banda Musicale Luigi Sturzo diretta dal Maestro Mirko Musco che, con il sapiente commento del volto Sky Francesco Castelnuovo, omaggia il grande compositore, direttore d’orchestra e premio Oscar Ennio Morricone (1928-2020) con l’esecuzione di alcuni, fra i suoi brani più suggestivi.

Con la direzione artistica della scrittrice e sceneggiatrice Angela Failla e dell’attrice, produttrice e cantante di origine catalana Eva Basteiro-Bertolí, il Caltagirone Short FilmFest è una manifestazione organizzata dal Comune di Caltagirone e patrocinata dal Comune medesimo insieme alla Regione Sicilia.

«Questa manifestazione», ha commento Angela Failla, «è un omaggio che ho voluto fare alla mia terra, la Sicilia, un luogo magico, pieno di calore, tradizione e meraviglia. Anche per questo ho voluto dedicare una sezione all’isola e ai siciliani, per presentare al pubblico anche quelle opere che narrano le bellezze che l’isola nasconde».

Ha proseguito il Sindaco di Caltagirone Fabio Roccuzzo:«Caltagirone, grazie al FilmFest, a vent’anni dalla dichiarazione di Budapest che riconobbe il suo centro storico Patrimonio dell’Umanità, ha promosso un turismo di qualità ispirato ad arte, cinema, cultura e bellezza nella città Patrimonio Unesco».

 

Pubblicato in Cinema

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.


 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.