Diritto ai Diritti: l’esperienza di partecipazione politica di giovani con sindrome di Down

Diritto ai Diritti: l’esperienza di partecipazione politica di giovani con sindrome di Down
Leonardo, Renata, Paolo e Claudia sono quattro adulti con sindrome di Down protagonisti del documentario “Diritto ai diritti”, realizzato dall’Associazione Italiana Persone Down con la regia di Christian Angeli, che sarà presentato a Roma, lunedì 4 luglio 2016 alle 10.30, presso la Casa del Cinema.

La pellicola, che sarà proiettata lo stesso giorno anche a Mantova e l'11 luglio a Pisa, racconta il percorso educativo del progetto AIPD Diritto ai diritti, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, che ha avuto lo scopo di promuovere la partecipazione attiva alla vita sociale di adulti con sindrome di Down e la loro relazione con le istituzioni pubbliche.

L’idea centrale del progetto è che nessuno possa considerarsi cittadino, attivo, se non viene messo in condizione di partecipare alla costruzione della propria storia e di quella della comunità di cui è parte. Essere cittadini vuol dire, dunque, appartenere a una comunità ed essere titolare di diritti ma anche di doveri da rispettare. Il cittadino attivo è colui che partecipa alla vita quotidiana e sociale e dà un contributo alla sua comunità. Naturalmente tutte le persone con sindrome di Down sono titolari di diritti di cittadinanza e possono essere cittadini attivi.

Il progetto vuole fornire degli strumenti alle persone adulte con sindrome di Down utili a comprendere il concetto astratto di cittadinanza e capire cosa possono concretamente fare per agire in qualità di cittadini attivi e, di conseguenza, esercitare i propri diritti ed esprimere liberamente le proprie scelte.

Trentaquattro le persone con sindrome di Down coinvolte, provenienti da 17 città italiane (Arezzo, Bari, Belluno, Caserta, Catanzaro, Latina, Mantova, Marca Trevigiana, Milazzo- Messina, Oristano, Pisa, Potenza, Reggio Calabria, Roma, Termini Imerese, Venezia-Mestre e Versilia), che hanno partecipato al seminario conclusivo del progetto dopo aver svolto un percorso educativo nei propri territori.

Il documentario racconta la sintesi dell’esperienza di Leonardo (36 anni di Pisa), Renata (36 anni di Bari), Paolo (36 anni di Mantova) e Claudia (32 anni di Caserta), portavoce delle riflessioni e delle speranze di tutti i partecipanti al progetto, ospiti nello studio di Radio Radicale per un dialogo con alcuni politici. I quattro hanno sottoposto delle richieste precise ai tre deputati intervenuti l’on.Giulia di Vita (Movimento 5 Stelle), l’on.Andrea Romano (Partito Democratico) e l’on.Walter Rizzetto (Fratelli d'Italia).

Dopo il documentario, introdotto dal Presidente dell’Associazione Italiana Persone Down , Paolo Virgilio Grillo e dalla responsabile del progetto, Carlotta Leonori, seguirà il dibattito. Interverranno, oltre ai parlamentari sopra elencati, Christian Angeli, regista del documentario, Vittorio Alvino Presidente di OpenPolis e l'on. Khalid Chaouki che ha accolto i 34 giovani in Parlamento. Inoltre, è stato invitato il Sottosegretario al Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Franca Biondelli. Modererà i lavori Giovanna Reanda, giornalista di Radio Radicale .

 

“Ci auguriamo che in molti possano vedere nei prossimi mesi questo film – dice Paolo Grillo, Presidente AIPD – e che questo faccia rinascere in molti la passione politica e la voglia di partecipare per fare del nostro un Paese migliore”.

 

Il trailer del documentario

 

Pubblicato in Cinema
Cristina Biordi

Giornalista professionista, documentarista, curatrice di mostre, appassionata ed esperta d’arte, cinema, teatro, letteratura, fotografia, enogastronomia, con 15 anni d’esperienza nel settore dell’energia e dell’ecologia. Ovvero: è terribilmente curiosa! Dalla Città Eterna si è trasferita nella Ville Lumière, dove è titolare dell’agenzia Labi communication, e come Joséphine Baker ha due amori: l’Italia e Paris. 

Fotonews

Quentin Tarantino alla Festa del Cinema di Roma

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI