"Il Vestito del Cinema – Dalle sorelle Fontana…”

In occasione del prossimo Festival Internazionale del Film di Roma, prende il via la mostra “Il Vestito del Cinema – Dalle sorelle Fontana…”. In esposizione, insieme agli abiti-scultura, anche lavori inediti, fotografie, riviste d’epoca, spezzoni di pellicole e filmati-reportage in bianco e nero.

Il-Vestito-del-Cinema-306x172In occasione del prossimo Festival Internazionale del Film di Roma, prende il via la mostra “Il Vestito del Cinema – Dalle sorelle Fontana…”. In esposizione, insieme agli abiti-scultura, anche lavori inediti, fotografie, riviste d’epoca, spezzoni di pellicole e filmati-reportage in bianco e nero.

Ideata e realizzata dalla MMG – Multimediagrandimmagini in collaborazione con la Fondazione Micol Fontana e con la C.O.D.E. Agency, la mostra racconta il forte legame fra il mondo della moda e quello del cinema attraverso la creatività del nome delle sorelle Fontana, segno tangibile dello stile italiano nel mondo. Concepita per sezioni cronologiche l’esposizione, patrocinata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MIBAC), dalla Regione Lazio, dal Consiglio Regionale del Lazio, da Roma Capitale e dalla Provincia di Roma – si propone di dare ampia lettura del lavoro svolto dalle tre sorelle, originarie di un paesino della provincia di Parma, che hanno avuto il merito di portare l’alta moda “Made in Italy” sui mercati internazionali.

A far da palcoscenico la cornice dell’Aranciera di san Sisto (via di Valle delle Camene, 11), uno spazio dal sapore antico, allestito con l’obiettivo di raccontare il fermento creativo che ha caratterizzato l’atelier fin dai suoi primi passi, presentando alcuni tra i modelli più esclusivi firmati dalla maison e gli abiti più celebri della storia del cinema realizzati per le grandi attrici nazionali e internazionali degli anni della Dolce Vita.

Uno dopo l’altro si impongono all’attenzione il vestito da sera in crépe di lana e seta nera realizzato per Liz Taylor (1954); l’abito-redingote di linea “talare” in tessuto di lana-seta nera con profili e bottoncini rossi, detto anche “il pretino”, realizzato nel 1955 per Ava Gardner; quello in taffetas di seta e tulle color bianco ghiaccio con scollatura a cuore e linea a “sirena” disegnato nel 1950 per Rita Hayworth; quello bianco ghiaccio e rosa pallido in tulle pieghettato e delicati motivi ricamati con paillettes cannette e cristalli di Boemia creato per Audrey Hephburn (1953); quello in raso di seta verde-acqua a due tonalità di colore realizzato per Ava Gardner (1954) e infine l’abito lungo da gran sera in velluto di seta nero con ricamo “Nodo d’amore”, creato per il film Le amiche di Michelangelo Antonioni del 1955.

La mostra è in programma fino al 30 ottobre ed è visitabile tutti i giorni, con ingresso libero, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00 e la domenica dalle 11.00 alle 18.00 in Via di Valle delle Camene,11.


Pubblicato in Cinema

Fotonews

Terza dose di vaccino per Giorgio Parisi

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI