La bella gente | Al cinema e in libreria

La bella gente | Al cinema e in libreria
La storia di questo film è un po’ lo specchio di quello che accade spesso nel nostro Paese. Stiamo parlando di La bella gente di Ivano De Matteo, presentato al Torino Film Festival nel 2009, distribuito con successo nelle sale francesi – ma mai in quelle italiane – e vincitore Oltralpe di diversi premi, da Annecy a Villerupt, da Grenoble a Bastia.

Questo primo film di un'ideale trilogia sulla famiglia, già portata a compimento dai successivi Gli equilibristi (2012- David di Donatello a Valerio Mastandrea) e I nostri ragazzi (2014 - Nastro d’Argento ad Alessandro Gassman), arriva finalmente anche nelle sale dello Stivale, distribuito da Istituto Luce-Cinecittà, dal prossimo 27 agosto.

Ma non sarà da solo. Accompagna l’uscita del film il libro La bella gente pubblicato dalla giovane casa editrice NED di Pier Paolo Mocci - in libreria dal 24 agosto - con la sceneggiatura originale di Valentina Ferlan, l’introduzione sulla genesi del film e il racconto inedito Il Viaggio di Ivano De Matteo, la prefazione del giornalista Malcom Pagani (Il Fatto Quotidiano) e una sezione con galleria di scatti fuori e dentro il set del fotografo di scena Franco Origlia dove appaiono i vari protagonisti: Elio Germano, Monica Guerritore, Antonio Catania, Victoria Larchenko, Iaia Forte, Myriam Catania, Giorgio Gobbi e lo stesso regista.

La sceneggiatrice Valentina Ferlan ha ricevuto premi e riconoscimenti nell’arco della sua carriera. È stata allieva del maestro Sergio Citti e ha scritto per Rai Uno la miniserie-tv Anita dedicata all’epopea garibaldina.

Il regista Ivano De Matteo ha dichiarato: «Quando ho letto questa sceneggiatura sono rimasto colpito da una strana sensazione di fastidio. Non riuscivo a capire cosa me la provocasse. Era una storia semplice, non accadevano grandi drammi, non c’erano personaggi malvagi, scene a tinte forti, amori passionali o malattie strappalacrime. Non c’erano eroi o mascalzoni. Eppure permaneva in me quella strana sensazione, quasi un freddo nelle ossa che, rileggendo più volte la sceneggiatura, mi ha fatto capire che tutta la storia era pervasa da una condizione di “assenza”. Tutto era così normale da risultare anomalo, così equilibrato da essere disarmonico, così enigmaticamente ovvio».

Su questa pellicola che parla dell’ipocrisia dell’alta borghesia rispetto al diverso e di quella di tutti coloro che hanno buoni propositi e belle parole, ma passando ai fatti non riescono a essere coerenti con i loro principi. Il quotidiano Le Monde scrisse: « Questo film con il ritmo di una tragicommedia naturalista intende dimostrare l'opposto, come Mike Leigh recentemente in Another Year, o Ettore Scola trenta anni fa ne La terrazza, cronaca degli ideali ridicolizzati di una generazione».

Allora la settimana prossima doppio appuntamento, in sala e in libreria. E per chi vive a Roma un terzo rendez-vous il 26 agosto alle 22,00 - presso lo spazio Luce Cinecittà sotto l'Isola Tiberina – per la presentazione del libro in presenza del regista, della sceneggiatrice/autrice, dell’editore e di una parte del cast del film.

Pubblicato in Cinema
Cristina Biordi

Giornalista professionista, documentarista, curatrice di mostre, appassionata ed esperta d’arte, cinema, teatro, letteratura, fotografia, enogastronomia, con 15 anni d’esperienza nel settore dell’energia e dell’ecologia. Ovvero: è terribilmente curiosa! Dalla Città Eterna si è trasferita nella Ville Lumière, dove è titolare dell’agenzia Labi communication, e come Joséphine Baker ha due amori: l’Italia e Paris. 

Fotonews

Terza dose di vaccino per Giorgio Parisi

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI