Morta Anita Ekberg, icona per eccellenza della Dolce Vita

Anita Ekberg Anita Ekberg Carlo Riccardi @ Archivio Riccardi
Anita Ekberg si è spenta, a 83 anni, nell'ospedale San Raffaele di Rocca di Papa (Roma). La bellissima icona del cinema, simbolo de "La dolce vita", era da tempo malata.

Famosa in tutto il mondo per la sua interpretazione nel film “La dolce vita” (1960) di Federico Fellini e per la famosa scena in cui entra nella Fontana di Trevi, Kerstin Anita Marianne Ekberg, in arte Anita Ekberg viveva da molti anni in ospedale su una sedia a rotelle. Era sola e non ha mai avuto figli. In condizioni economiche precarie, nel 2011 fece la sua ultima richiesta d'aiuto alla Fondazione Fellini di Rimini, dopo essere stata ricoverata in una casa di cura in seguito a una caduta che le aveva procurato una frattura al femore, rendendola non più autonoma. 

Nata a Malmö il 29 settembre 1931, dopo aver vinto il titolo di Miss Svezia nel 1950, si era trasferita negli Stati Uniti dove il produttore Howard Hughes l'aveva subito notata e introdotta nel mondo del cinema. I suoi primi film intorno alla fine degli anni Cinquanta accanto a Jerry Lewis e Dean Martin in "Artisti e modelle" del 1955. Il primo Golden Globe come attrice emergente nel 1956 per l'ultimo film della coppia Lewis-Martin, "Hollywood o morte!" diretto da Frank Tashlin. Sempre nello stesso anno King Vidor le affidò una parte nel kolossal "Guerra e pace". Dopo aver girato nel 1959 "Nel segno di Roma", diretto da Guido Brignone, e dove vestì i panni della regina Zenobia, che si ribella all'Impero Romano, la Ekberg interpretò il ruolo di Sylvia nel film che la rese un'icona, "La dolce vita" di Federico Fellini (1960): la scena del bagno nella Fontana di Trevi diventerà un classico che entrerà per sempre nella storia del cinema mondiale. 

Fellini tornerà a dirigerla nello straordinario episodio "Le tentazioni del dottor Antonio" in "Boccaccio '70" (1962), con Peppino De Filippo, e nella parte di se stessa in "I clown"s (1970) e "Intervista" (1987).

Della sua vita sentimentale di certo si sa solo che fu sposata dal 1956 al 1959 con l'attore inglese Anthony Steel e dal 1963 al 1975 con l'attore statunitense Rik Van Nutter (Felix Leiter in Agente 007 - Thunderball: Operazione tuono). Numerosi i flirt che le sono stati attribuiti da Frank Sinatra a Gianni Agnelli e Dino Risi. Con nessuno ebbe mai figli. 

Con lei scompare un simbolo del cinema mondiale, ma anche di un'epoca unica, in cui hanno brillato stelle bellissime e irripetibili capolavori del grande schermo.

 

CLICCA PER VEDERE LA GALLERY DEDICATA AD ANITA EKBERG
SU ARCHIVIOIRICCARDI.IT

''Marcello come here'': la scena cult nella fontana di Trevi

{media load=media,id=96,width=400,display=link,list_item_heading=4} 

Pubblicato in Cinema

Fotonews

Terza dose di vaccino per Giorgio Parisi

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI