Presentata la XIV edizione della Festa del Cinema di Roma

Antonio Monda e Laura Delli Colli Antonio Monda e Laura Delli Colli Foto Maurizio Riccardi © AGR
La festa del Cinema di Roma arrivata alla quattordicesima edizione, si terrà da giovedì 17 a domenica 27 ottobre. 
Parteciperanno film di 25 paesi, ci saranno 37 prime mondiali e 19 registe donne, con tematiche attuali come i cambiamenti climatici, immigrazione, razzismo.
 
Antonio Monda, direttore artistico, ha ricordato, prima di illustrare il programma, come due film in concorso a Roma abbiano vinto negli ultimi anni l’oscar come miglior film: si parla di Moonlight e Green Book. Inoltre ha tenuto a ribadire l’unicità della Festa di Roma, in cui non ci sono premi, escluso quello del pubblico, e soprattutto il coinvolgimento dei vari ospiti che partecipano alla festa per amore del cinema e per parlarne e non per promuovere o ritirare premi. 
 
Quest’anno ci saranno molte novità a partire dai luoghi in cui saranno proiettati i film: 18 postazioni in città tra cui luoghi come ospedali e carceri. Inoltre ci saranno due nuovi fasce di eventi che si andranno ad aggiungere a quelli degli anni passati: “Fedeltà e Tradimento” in cui 15 scrittori sceglieranno un libro da cui è stato tratto un film e lo racconteranno. 30 personalità della cultura e cinema racconteranno delle famose rivalità nel mondo del cinema.
 
Per concludere Monda si è detto entusiasta e orgoglioso della possibilità di presentare “The Irishman” diretto da Martin Scorsese con protagonisti Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci e si è lasciato scappare come sia, a suo parere, il film più bello dell’anno con molti degli attori in odore di Oscar.
Pubblicato in Cinema
Maurizio Riccardi

Sito web: www.maurizioriccardi.it

Fotografo, giornalista, direttore del Gruppo AGR, di cui fanno parte: l'agenzia fotografica AGR, il magazine online Agrpress.it, l'Archivio Riccardi, la sezione Audiovsivi / web e la sezione Comunicazione.
Nasce a Roma nel 1960, si può dire nella camera oscura del padre, anche lui noto fotografo della "Dolce Vita". 

Fotonews

Teatro Valle intitolato a Franca Valeri

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI