Renzo Piano firma il nuovo tempio del cinema muto della Ville Lumiére

Renzo Piano firma il nuovo tempio del cinema muto della Ville Lumiére
La fondazione Jérôme Seydoux-Pathé ha traslocato e apre le porte della sua nuova “maison” il 10 settembre a Parigi.

Un edificio stupefacente, disegnato dal famoso architetto Renzo Piano, ospita il monumentale archivio e una sala cinematografica. Costruito sul vecchio teatro dei Gobelins (73, avenue des Gobelins), il palazzo ha l’ambizione di diventare un luogo di riferimento della 7a arte grazie ai preziosi archivi e oggetti. Sulla facciata, che è rimasta invariata, campeggiano le due sculture rapprensetati il Dramma (un uomo) e la Commedia  (una donna) - realizzate nel 1869 da Auguste Rodin – che sembrano invitare il visitatore a entrare in questo tempio del cinema muto.

Renzo Piano ha voluto conservare e valorizzare la facciata del palazzo, all’interno del quale si trova una costruzione ultramoderna e spettacolare di vetro e lamelle d’alluminio perforate, una sorta di serra che per alcuni assomiglia a una chiglia di nave per altri a un armadillo gigante.

Cinque livelli, il cui ultimo è riservato alla consulatazione dove i ricercatori e appassionati possono tuffarsi in uno dei più importanti patrimoni cinematografici: migliaia documenti conservati dalla creazione della società Pathé nel 1896, oltre 500.000 fotografie, centinaia di scenaggiature e cataloghi di film e molto altro.

In mostra numerosi manifesti, che spesso sono delle vere opere d’arte, diversi macchinari, grammofoni funzionanti, macchine fotografiche e proiettori per illustrare la storia del cinema e la sua evoluzione attraverso quella della società Pathé.

Nell’edificio si trova anche una sala di proiezione, con 68 poltrone rosse, un grade schermo e un pianoforte per dar vita a una serie di cineconcerti. Il primo ciclo di proiezioni della fondazione è dedicato a un vero tesoro: i film muti miracolosamente trovati in un magazzino nel 2006, del teatro meccanico ambulante Morieux, presentati in Francia e in Belgio alla fine XIX° e all’inizio del XX° secolo.

Pubblicato in Cinema
Cristina Biordi

Giornalista professionista, documentarista, curatrice di mostre, appassionata ed esperta d’arte, cinema, teatro, letteratura, fotografia, enogastronomia, con 15 anni d’esperienza nel settore dell’energia e dell’ecologia. Ovvero: è terribilmente curiosa! Dalla Città Eterna si è trasferita nella Ville Lumière, dove è titolare dell’agenzia Labi communication, e come Joséphine Baker ha due amori: l’Italia e Paris. 

Fotonews

Quentin Tarantino alla Festa del Cinema di Roma

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI