Sean Penn nel debutto americano di Paolo Sorrentino

Che Il Divo sia uno dei migliori film del cinema italiano contemporaneo è ormai nozione assodata e finalmente il suo regista, Paolo Sorrentino, comincia a raccogliere i frutti della sua fatica. E non stiamo tanto parlando di premi (sebbene siano arrivati anche quelli) quanto di contatti e grossi progetti all’estero, lontano dall’asfissiante atmosfera nostrana....

Che Il Divo sia uno dei migliori film del cinema italiano contemporaneo è ormai nozione assodata e finalmente il suo regista, Paolo Sorrentino, comincia a raccogliere i frutti della sua fatica. E non stiamo tanto parlando di premi (sebbene siano arrivati anche quelli) quanto di contatti e grossi progetti all’estero, lontano dall’asfissiante atmosfera nostrana.
Ecco quindi che, grazie a una produzione congiunta che unisce gli sforzi di Nicola Guiliano della Indigo Films e di Andrea Occhipinti della Lucky Red, nasce This must be the place, il primo film “straniero” di Paolo Sorrentino. E tanto per farvi capire che non si tratta di un progetto secondario, sarà bene ricordare che il protagonista principale dovrebbe essere nientemeno che il grande Sean Penn.
La trama? presto detta: Sean Penn veste i panni di una rockstar di mezza età, ritiratasi dalle scene. Ma la star si annoia nel suo splendido isolamento e decide, per ingannare il tempo, di provare a rintracciare il boia di suo padre, un ex criminale nazista che sta passando la sua vecchiaia negli USA.
La sceneggiatura è stata scritta dallo stesso Sorrentino insieme a Umberto Contarello e ora ci rimane solo da attendere che Sean Penn completi tutti i suoi vari progetti prima di iniziare a lavorare per Sorrentino. Fra i film imminenti che vedono Penn come protagonista ricordiamo Cartel, Fair Game e in particolare il nuovo lungometraggio di Terrence Malick, The tree of life.
 
 
Pubblicato in Cinema

Fotonews

Premio Socrate 2021

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI