The Iceman
The Iceman è arrivato finalmente nei cinema italiani dopo essere stato presentato nel 2012 al Festival di Toronto e Fuori Concorso alla Mostra del Cinema di Venezia.

Ispirata dalle interviste raccolte nel documentario di James Thebaut del 1992 (Confessions of a Mafia Hitman) e basata sul libro The Iceman: The True Story of a Cold-Blooded Killer scritto da Anthony Bruno, il film racconta la storia di uno dei peggiori criminali degli Stati Uniti: Richard Kuklinski, killer di professione di origini polacche, con alle spalle un passato di violenze inferte dal padre, e con una splendida famiglia alla quale fa credere di essere un agente di cambio. 

La storia di Kuklinski inizia con il passaggio dal doppiaggio di film porno distribuiti dalla mafia negli anni sessanta alla nuova attività di sicario affidatagli dal personaggio interpretato da Ray Liotta. 

Michael Shannon, nei panni di Kuklisnki, interpreta a perfezione l’idea di personaggio voluta dal regista Ariel Vromen: gelido e scuro, dallo sguardo impenetrabile e caratterizzato dall’attitudine dell’attore di interpretare ruoli negativi.

L’elemento centrale attorno al quale si snodano le vicende sembra quindi essere il legame con il nucleo famigliare, dietro cui però si celano i misfatti e le atrocità su cui si regge. Un contrasto che permea del resto tutte le vicende e che rispecchiano l’ambigua personalità del killer dalla scorza di ghiaccio e dal cuore caldo.

E Vromen racconta esattamente questo: un padre e un marito esemplare, forse un po' chiuso ma dai modi gentili, capace persino di comporre una piccola poesia per il compleanno dei sedici anni della figlia maggiore, che si trasforma completamente quando i suoi servizi sono richiesti dai boss di Jersey City. The Iceman, questo il soprannome affibbiato all'uomo dalla stampa, non si chiede il perché: esegue gli ordini, uccide i suoi bersagli senza pietà, e senza la minima esitazione, senza battere ciglio.

{media load=media,id=107,width=400,display=link,list_item_heading=4} 

Pubblicato in Cinema
Giacomo Visco Comandini

Laureato alla Sapienza, dal 2008 è uno dei redattori di Enel.tv, la televisione aziendale di Enel. Appassionato di cinema, ha collaborato per la rivista Filmaker’s MagazineIl Riformista e la Repubblica

Fotonews

Terza dose di vaccino per Giorgio Parisi

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI