Venezia 76, Joaquin Phoenix insegue il Leone

Joaquin Phoenix Joaquin Phoenix Foto ASAC
Il ghigno tragico e inquietante di Joker è oggi dipinto sul volto di Joaquin Phoenix. 
Nicholson, Ledger e Leto lo hanno attraversato in trent'anni di cinema ma questo nuovo pagliaccio ha una nuova identità: è Arthur Fleck un aspirante comico, sogna di arrivare in tv nel suo show preferito, quello che va in diretta ogni giorno dagli studi di Gotham City condotto da Murray Franklin / Robert De Niro. 
 
Per il momento, però, non può far altro che accettare piccoli lavoretti in un'agenzia di comici passando dal fare pubblicità per strada a una tavola calda dove rallegrare i bambini ricoverati nell'ospedale pediatrico, combattendo coni suoi problemi mentali tra farmaci, assistenti sociali e la cura della vecchia madre con cui vive.
 
Joker, lo spin-off di Todd Philips in gara per il Leone d'Oro, si allontana molto dall'immaginario del fumetto: non c'è Batman se non un giovanissimo Bruce Wayne.
 
Quando le frustrazioni e i soprusi oltrepassano il limite di sopportazione, Arthur diventa il Joker e niente sarà più come prima. Applausi in sala delle conferenze e ovazione per Phoenix che, dopo tre nomination, potrebbe aver trovato il ruolo della carriera, quello che lo potrebbe coronare nella notte gli Oscar.
A Venezia Phoenix ha già conquistato la Coppa Volpi per The Master ma si candida seriamente anche quest'anno. 
Pubblicato in Cinema

Fotonews

Premio Socrate 2021

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI