Venezia: al Lido sbarca George Clooney

George Clooney ha aperto formalmente la 70ma edizione del Festival Internazionale del Cinema di Venezia con 'Gravity' fantascientifico film di Alfonso Cuaron che lo vede protagonista insieme a Sandra Bullock

Gravity-Heyman-Bullock-Cuar-Clooney-Foto ASAC

George Clooney ha aperto formalmente la 70ma edizione del Festival Internazionale del Cinema di Venezia con 'Gravity' fantascientifico film di Alfonso Cuaron che lo vede protagonista insieme a Sandra Bullock. I due attori sono i primi, dei pochi divi, di questa edizione della Mostra di Venezia. Nella pellicola i due interpretano la dottoressa Ryan Stone (Bullock), ingegnere medico alla sua prima missione, e l'astronauta veterano Matt Kowalsky (Clooney) che a causa d'imprevista pioggia di detriti si ritrovano dispersi nell'oscurita' dello spazio. "Dietro il tratto fantascientifico e alla suspense abbiamo pensato a un film che affrontasse un tema universale come quello delle avversita' - afferma Jonas Cuaron, sceneggiatore della pellicola e figlio del regista- tutti si possono trovare in situazioni complicate, e che cosa c'e' di piu' terrificante che trovarsi dispersi nello spazio?".
Molte le domande al divo Clooney: a chi gli chiede se manderebbe al posto di Obama le truppe in Siria risponde con la sua consueta ironia: "Me l'aspettavo questa domanda, ma anche quella su Ben Affleck che vestira' i panni di Batman", poi passa a un argomento serio che centra in qualche modo con lo spazio: "Ho comprato un satellite che monitora la situazione in Sudan, per capire se li' accadono delle atrocita'". Infine parla del motivo per cui ha accettato la parte di Matt: "Negli ultimi 15 anni accetto le parti se ci sono tre clausule principali: una buona sceneggiatura, un bravo regista e dei colleghi altrettanto bravi. Per me 'Gravity' e' stata un'eccellente opportunita'".

Sandra Bullock, la vera protagonista di Gravity di Cuaron, descrive la sua partecipazione al film come "un'esperienza per la mente e il fisico". Noi la vediamo fluttuare nello spazio ma per arrivare a quel risultato da una parte ha dovuto recitare in solitaria in una macchina apposita che elimina la gravita', dall'altra "mi sono dedicata - sottolinea - alla trasformazione del mio corpo, volevo eliminare tutto cio' che avevo di femminile, ma ne e' valsa la pena". Qualcuno fa notare infatti i suoi muscoli ben definiti...

 

Pubblicato in Cinema

Fotonews

Terza dose di vaccino per Giorgio Parisi

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI