50 anni senza Giuseppe Ungaretti

Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti Foto di Carlo Riccardi © Archivio Riccardi
Cinquant’anni fa moriva a Milano il grande poeta, scrittore, traduttore ed accademico.

GUARDA LE FOTO - «Amo le mie ore di allucinazione [...]. Anche le mie ore di randagio, d’immaginario perseguitato in esodo verso una terra promessa» (Giuseppe Ungaretti, lettera a Giovanni Papini del luglio 1916 dalla zona di guerra)

Nato ad Alessandria d’Egitto nel febbraio 1888 da genitori toscani (lucchesi) emigrati in Egitto perché suo padre lavorava come sterratore al canale di Suez, frequenta l'École Suisse Jacot e si forma sui classici francesi (soprattutto Charles Baudelaire e Stéphane Mallarmé). Stringe amicizia con Enrico Pea e con i fratelli Thuile, con Kavàfis e Zervos (il gruppo di “Grammata”).

Nel 1912 si trasferisce a Parigi e si iscrive alla Sorbona (tesina su Maurice de Guérin con Strowski; segue i corsi di Bergson al Collège de France). Frequenta i futuristi italiani a Parigi - le sue prime poesie appariranno nel 1915 su «Lacerba» - ma anche Apollinaire, Paul Fort, Léger.

Nel 1914 rientra in Italia e si arruola come volontario sul Carso. Nasce Il Porto Sepolto, che verrà pubblicato a Udine due anni.

Finita la guerra, su suggerimento di Giovanni Papini, pubblica Allegria di naufragi (Vallecchi, 1919).

Nel ’21 si trasferisce a Roma. Una Roma barocca e cattolica che farà da sfondo a Il Sentimento del Tempo (1933).

Nel ’36 si stabilisce a San Paolo del Brasile, dove gli viene offerta la cattedra universitaria di Lingua e Letteratura italiana.

Nel ’42 rientra in Italia, dove viene nominato “per chiara fama” titolare della prima cattedra di Letteratura italiana contemporanea presso l’Università di Roma.

Dai suoi lutti privati (nel ’37 era morto suo fratello e, due anni dopo, suo figlio bambino) e collettivi nasce l'esperienza di Dolore (1947).

Dalla vicenda di barbarie della Seconda guerra mondiale nasce più alta l’esigenza di raccogliere, nella meditazione dei classici, la memoria della dignità e della tragedia di essere uomini: saranno le grandi traduzioni dei 40 Sonetti di Shakespeare, delle Visioni di Blake, della Fedra di Racine, delle poesie di Gongora e Mallarmé, dell’Eneide di Virgilio, delle “Favole indie”>indie della genesi".

Potrà così compiersi il viaggio e l’ultima “mira”: La Terra Promessa (1950) e Il Taccuino del vecchio (1960).

Rielabora poi, “a lume di fantasia”, le prose d’arte e di viaggio: Il Deserto e dopo (1961).

Raffinato esercizio di autoesegesi e di poetica sono le quattro lezioni sulla Canzone, tenute nel ’64 alla Columbia University di New York.

L’opera di Giuseppe Ungaretti è oggi riunita nei volumi Vita d'un uomo. Tutte le poesie (a cura di L. Piccioni, 1969); Vita d'un uomo. Saggi e interventi (a cura di M. Diacono e L. Rebay, 1974); Vita d'un uomo. Viaggi e lezioni (a cura di P. Montefoschi, 2004).

Alla conoscenza del laboratorio giovanile ungarettiano ha contribuito il volume di Poesie e prose liriche. 1915-1920 (a cura di C. Maggi Romano e M. A. Terzoli, 1989), autografi ritrovati, con le lettere, fra le carte di Papini. In edizioni critiche sono apparsi: L'allegria (a cura di C. Maggi Romano, 1982) e Sentimento del tempo (a cura di C. Maggi Romano e di R. Angelica, 1988).

Pubblicato in Editoria

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI