A Katja Petrowskaja il Premio Strega Europeo 2015

Stefan Hertmans, Tommy Wieringa, Katja Petrowskaja, Alain Mabanckou Stefan Hertmans, Tommy Wieringa, Katja Petrowskaja, Alain Mabanckou GC Agrpress
Sembra di entrare a casa di amici quando si varca la soglia della Fondazione Bellonci per assistere alla premiazione della seconda edizione del Premio Strega europeo.

Ed in parte è così. Perchè il Premio Strega, quello italiano, storico, nasce nel 1947 grazie all’idea dei coniugi Bellonci,  e dell’imprenditore Alberto Guidi, con il nome, da statuto, di Premio Strega degli “amici della domenica”. Se si scorre l’albo d’oro, o si ricerca qualche immagine d’archivio, ci si rende conto che “quegli amici” erano i più alti letterati del panorama italiano. Tra i corridoi di casa Bellonci si sono confrontati e riuniti scrittori del calibro di Flaiano, Moravia, Pavese, Buzzati, Morante, Pasolini, Eco, Levi, e chissà quanti altri esponenti della cultura italiana.

E’ in questa cornice, tra queste mura avide della storia del nostro tempo, che il 1 luglio 2015, Katja Petrowskaja, giornalista ucraina, ha vinto con il suo primo libro “Forse Esther” la seconda edizione del Premio Strega europeo. Il suo romanzo è un’indagine alla ricerca dei suoi avi. Esther potrebbe essere il nome di una sua bisnonna, ma non v’è certezza in questo, perchè il padre l’ha sempre chiamata solo “babuška”. Certa è però la morte della donna, ricevuta da un colpo di rivoltella di un soldato tedesco. E’ su questa traccia che Katja Petrowkaja inizia la ricerca delle sue origini, e la compie con ogni mezzo possibile, da Google, ai miti greci, dalle fiabe tradizionali, ai contatti Facebook.

Nell’intraprendere questo viaggio, la Petrowskaja, non poteva non ripercorrere la storia e le vicende che toccarono la sua famiglia tra Germania, Russia, Polonia ed Austria in un Europa divisa e in guerra. Ed è così, con un sorriso sincero ed imbarazzato nel ritirare il premio che questa giovane scrittrice si impone alla giuria ed entra nel nostro mondo letterario.

Quest’anno la cinquina era composta  oltre che dalla vincitrice da Rafael Chirbes (Spagna), Sulla sponda, traduzione di Pino Cacucci (Feltrinelli 2014) – Premio de la Crítica de narrativa castellana, Premio Francisco Umbral 2013; Stefan Hertmans (Belgio), Guerra e trementina, traduzione di Laura Pignatti (Marsilio 2015) – Ako Literatuurprijs, De Gouden Boekenuil 2014; Alain Mabanckou (Francia), Pezzi di vetro, traduzione di Daniele Petruccioli (66thand2nd 2015), Prix des cinq continents de la francophonie 2005; Ingeborg-Bachmann-Preis 2013; Tommy Wieringa(Olanda), Questi sono i nomi, traduzione di Claudia Cozzi e Claudia Di Palermo (Iperborea 2014), Libris Literatuur Prijs 2013.

Katja Petrowskaja ha ottenuto 11 voti sui 23 espressi dalla giuria composta dagli scrittori vincitori e finalisti del Premio Strega – Alessandro Barbero, Laura Bosio, Giuseppe Catozzella, Antonella Cilento, Giuseppe Conte, Maria Rosa Cutrufelli, Antonio Debenedetti, Ernesto Ferrero, Marcello Fois, Mario Fortunato, Paolo Giordano, Melania G. Mazzucco, Edoardo Nesi, Valeria Parrella, Lorenzo Pavolini, Roberto Pazzi, Romana Petri, Lidia Ravera, Antonio Scurati e Domenico Starnone –, dal direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea Lucio Battistotti, dalla direttrice di Casa delle Letterature di Roma e del Festival Internazionale Letterature Maria Ida Gaeta e dal direttore della Fondazione Bellonci Stefano Petrocchi.

  • Stefano Petrocchi
  • Autore: G.Guida © Agrpress
  • Stefan Hertmans, Tommy Wieringa, Katja Petrowskaja, Alain Mabanckou
  • Autore: G.Currado © Agrpress

Pubblicato in Editoria

Fotonews

Carlo Verdone sul Red Carpet di RomaFF

Archivio Riccardi - L'Europa unita e i suoi protagonisti. 400 libri alle scuole del Lazio

  • L'Europa unita e i suoi protagonisti. 400 libri a scuole e biblioteche del Lazio Inviati 400 libri dell’Istituto Quinta Dimensione a scuole e biblioteche del Lazio per il progetto fotografico “L’Europa unita e i…

L'Archivio Riccardi al meeting dell'American Women's Association of Rome

  • L'Archivio Riccardi al meeting dell'American Women's Association of Rome Si è svolta nella fantastica terrazza dell'Hotel Babuino 181, il meeting generale di ottobre dell'American Women's Association of Rome (AWAR).

Premio Bronzi di Riace - Maurizio Riccardi insignito del titolo di "Guerriero"

  • A Maurizio Riccardi il prestigioso Premio Bronzi di Riace Maurizio Riccardi, direttore di AGRpress e dell'Agenzia AGR è stato insignito del titolo di "Guerriero" dall’Associazione Turistica Pro-Loco Città di Reggio Calabria, nel corso dell'evento…

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI