“Chi sono io?” di Concita De Gregorio alla Scuola Holden a Torino

“Chi sono io?” di Concita De Gregorio alla Scuola Holden a Torino
Verrà presentato lunedì 22 gennaio 2018 alle ore 18.30 presso la Scuola Holden - piazza Borgo Dora 49 - a Torino il libro di Concita De Gregorio “Chi sono io? Autoritratti, identità, reputazione” (Contrasto). Insieme all’autrice interverrà la scrittrice e giornalista Helena Janeczek.

«Chi fotografa vede il modo e attraverso il suo sguardo lo racconta. La sua materia prima è il tempo. Sceglie anche cosa ritrarre, ma soprattutto sceglie quando. Cosa succede quando volta la macchina verso se stesso? Uno spettacolare testacoda. Il mondo interno passa attraverso l’obiettivo e torna indietro a cercarsi. Sono soprattutto le donne a fotografare se stesse. Perché, ho chiesto a cinque di loro. La risposta riguarda sempre la guarigione, una ferita, la cura. Un bisogno, mai una vanità. Non esistono autoritratti inutili. Raccontano tutti una storia. Ma non dicono cosa è successo. Dicono perché. (Concita De Gregorio, Chi sono io? Autoritratti, identità, reputazione, Contrasto, Roma 2017).

In Chi sono io? Autoritratti, identità, reputazione, l’autrice ha compiuto una lunga ricognizione nel territorio della fotografia femminile interrogando - e interrogandosi - sul senso e sul valore di un gesto: quello dell’autorappresentazione. Una ricerca che nasce dall’attenta osservazione di immagini e fotografie realizzate nel corso del tempo soprattutto da donne fotografe: «Ho cercato molti autoritratti, per molto tempo. Quelli che ho trovato sono quasi tutti femminili. Le donne fotografe si ritraggono sempre, quasi sempre. Gli uomini fotografi molto meno. È curioso. I fotografi non hanno bisogno di cercare la loro anima? Come mai voltano così di rado la macchina fotografica verso se stessi? Perché il lavoro sull’identità - chi sono io - è in fotografia un lavoro soprattutto femminile?».

Del resto, fin dalla sua nascita, la fotografia ha offerto uno specchio di fronte a ci misurare e definire la propria identità, quasi una sorta di “terzo occhio” in grado di scavare a fondo nell’animo umano. In Chi sono io? Autoritratti, identità, reputazione, un’intima e intensa galleria fotografica - da Francesca Woodman a Cindy Sherman, da Wanda Wulz a Dora Maar fino alle fotografe più contemporanee - presenta le voci e gli sguardi di coloro le quali, attraverso la propria immagine, cercano di indagare su quale sia il proprio posto nel mondo.

«Nel cammino di studio, ricerca, selezione della fantastica galleria di autoritratti femminili, dalla fine dell’Ottocento alle giovani artiste che pubblicano oggi i loro lavori sui blog, mi sono fermata a parlare con cinque fotografe, a lungo. A tutte - Guia Besana, Silvia Camporesi, Anna Di Prospero, Simona Ghizzoni, Moira Ricci - ho chiesto delle loro fotografie; hanno risposto raccontandomi la loro storia: la famiglia, la madre, l’infanzia, la solitudine e la paura, il corpo, il sesso, i figli. Il tempo, l’ossessione del tempo: assenza, presenza. Pieno e vuoto. Cercarsi, mancarsi. Incontrare, incontrarsi. L’autoritratto è la medicina al male di vivere. Il consenso è accidentale, irrilevante. Questo lavoro è iniziato così».

Nel corso della presentazione, proprio come nel libro, verrà seguito un insolito e sorprendente percorso di lettura, in grado di innescare un dialogo virtuale fra epoche e culture differenti e di toccare tematiche portanti e universali come quelle dell’identità e della reputazione

Chi sono io? Autoritratti, identità, reputazione di Concita De Gregorio, pubblicato da Contrasto (Roma), è disponibile in libreria a partire da dicembre 2017.

Pubblicato in Editoria

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.

Fotonews

Quentin Tarantino alla Festa del Cinema di Roma

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI