Don DeLillo alla Festa del Cinema di Roma

una scena di "Cosmopolis" (2012) di David Cronenberg una scena di "Cosmopolis" (2012) di David Cronenberg
Il noto scrittore americano sabato 22 ottobre 2016 ha incontrato il pubblico presso l’Auditorium Parco della Musica nell’ambito della Festa del Cinema di Roma.

“Il modo 'in cui scrivo ha cominciato ad assumere una certa forma grazie al cinema europeo. Mi hanno formato autori come Antonioni, Fellini ma anche Kurosawa'”, ha affermato Don DeLillo (classe 1936). Parola di uno fra i più grandi scrittori americani viventi.

Circa un'ora di conversazione fra Antonio Monda, Direttore Artistico della Festa del Cinema di Roma e l'autore di libri quali Americana (1971; il Saggiatore, Milano 2000; Net, 2003, Einaudi, Torino 2008), End Zone (1972; Einaudi, Torino 2014), Great Jones Street (1973; il Saggiatore, Milano 1997; Einaudi, Torino 2009), La stella di Ratner (1977; Einaudi, Torino 2011), Giocatori (1977; Pironti 1993; Einaudi, Torino 2005), Cane che corre (1978; Pironti 1991; Einaudi, Torino 2009), Amazons (1980), I nomi (1982; Pironti 1990; Einaudi, Torino 2004), Rumore bianco (1985; Pironti 1987; Einaudi, Torino 1999), Underworld (1997; Einaudi, Torino 1999), Cosmopolis (Einaudi, Torino 2003), portato al cinema da David Cronenberg nell'omonimo film del 2012, e L’uomo che cade (2007; Einaudi, Torino 2008), e tornato da poco in libreria con Zero K (Einaudi, Torino 2016), costruito intorno all'amore di Don DeLillo, per il cinema di Michelangelo Antonioni.

L'incontro lo ha infatti aperto leggendo un suo testo scritto ad hoc sul film Deserto rosso (1964). Un viaggio fra colori, suggestioni e conversazioni del film.

”Qui la bellezza è un'ossessione, sembra che il film non possa evitare di essere bello'”, afferma Don DeLillo, il quale rende anche omaggio alla protagonista - Monica Vitti - che definisce ''bellissima''. È l'anima inquieta del cinema di Antonioni, incaricata di non interpretare, ma semplicemente esistere”.

Il dialogo fra Antonio Monda e Don De Lillo è stato inframmezzato dalla proiezione di alcune scene di quattro grandi film di Michelangelo Antonioni: il già citato Deserto rosso, interpretato da Monica Vitti e dall’irlandese Richard Harris, reduce dal successo di Io sono un campione (1963) di Lindsay Anderson, uno fra i capolavori del Free Cinema inglese degli anni Sessanta (Nomination Oscar come Miglior Attore Protagonista e Palma d’Oro al Festival di Cannes), e futuro Lord Morgan in Un uomo chiamato cavallo (1970) di Elliott Silverstein, Zachary Bass in Uomo bianco… va col tuo Dio! (1971) di Richard C. Sarafian, e Marco Aurelio ne Il gladiatore (2000) di Ridley Scott;

L’eclisse (1962), con Monica Vitti e Alain Delon;

L’avventura (1960), interpretato da Monica Vitti e Gabriele Ferzetti;

La notte (1965), con Monica Vitti e Marcello Mastroianni.

In quest’ultimo film, nella scena che si svolge in una libreria Bompiani a Milano appaiono brevemente anche un giovane Umberto Eco, storico autore Bompiani scomparso nel febbraio 2016 all'età di ottantaquattro anni, e Salvatore Quasimodo.

Dopo l’incontro con il pubblico, Don DeLillo ha autografato le copie del suo ultimo libro presso lo spazio presentazioni della libreria Notebook Auditorium.

 

Pubblicato in Editoria

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.

Fotonews

G20 Cultura a Roma

Archivio Riccardi - L'Europa unita e i suoi protagonisti. 400 libri alle scuole del Lazio

  • L'Europa unita e i suoi protagonisti. 400 libri a scuole e biblioteche del Lazio Inviati 400 libri dell’Istituto Quinta Dimensione a scuole e biblioteche del Lazio per il progetto fotografico “L’Europa unita e i…

L'Archivio Riccardi al meeting dell'American Women's Association of Rome

  • L'Archivio Riccardi al meeting dell'American Women's Association of Rome Si è svolta nella fantastica terrazza dell'Hotel Babuino 181, il meeting generale di ottobre dell'American Women's Association of Rome (AWAR).

Premio Bronzi di Riace - Maurizio Riccardi insignito del titolo di "Guerriero"

  • A Maurizio Riccardi il prestigioso Premio Bronzi di Riace Maurizio Riccardi, direttore di AGRpress e dell'Agenzia AGR è stato insignito del titolo di "Guerriero" dall’Associazione Turistica Pro-Loco Città di Reggio Calabria, nel corso dell'evento…

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI