Esce postumo "Accadde domani" di Luciano De Crescenzo

Esce postumo "Accadde domani" di Luciano De Crescenzo
Esattamente un anno fa ci lasciava Luciano De Crescenzo. Prima ingegnere idraulico e poi scrittore, innamorato della filosofia, ci ha raccontato e fatto capire il pensiero di Socrate, Eraclito e Anassagora  spiegandoceli meglio di tanti professori. Di se stesso diceva: “io non sono un filosofo: sono semplicemente un simpatizzante, un fiancheggiatore della filosofia”.

Autore di numerosi libri, sia di saggistica che di narrativa, tradotti anche all’estero, fu personaggio televisivo, sceneggiatore, regista e attore. Frequentò le scuole elementari insieme a Bud Spencer, abitavano nello stesso stabile. Nel 1994 la città di Atene gli conferì la cittadinanza onoraria, proprio per la sua opera di divulgazione della filosofia greca.

Recentemente, il comune di Napoli ha deciso di dedicare a Luciano De Crescenzo una targa commemorativa che sarà posta in Vicoletto Belledonne, come era suo desiderio.

Fra i temi maggiormente affrontati quello della felicità, da vero epicureo sosteneva che “la felicità coincide con il minimo della sofferenza: non è mai il massimo del piacere. In questo modo abbiamo maggiori possibilità di essere felici”. A chi gli chiedeva cos’è il tempo, rispondeva che “il tempo è un’emozione. Come la vita, andrebbe non allungato, ma allargato”. E cos’è il destino? “Il venti per cento di quello che succede. Il resto è caso”.         

Nel libro “Accadde domani”, la figlia Paola ha raccolto e selezionato una serie di articoli pubblicati sui maggiori quotidiani (“Corriere della sera”, “Il Messaggero”, “Il Mattino”  “la Repubblica” e altri),  scritti tra la fine degli anni settanta e i primi anni del duemila. Negli articoli si affrontano tematiche ancora oggi al centro del dibattito pubblico quale ad esempio l’omosessualità, il nucleare, l’inquinamento, la corruzione o ancora l’influenza della tecnologia nei rapporti sociali, il problema delle carceri e la cosiddetta “questione meridionale”.

In questo volume dal sottotitolo emblematico (scritti quasi profetici), le riflessioni assumono un carattere di lungimiranza. Nell’articolo “Pitagora e il burocratese”, apparso su “La Repubblica” il 29 dicembre 1993, ci spiega l’origine del linguaggio burocratico affermando che “l’importante, per il burocrate, è non farsi capire: più il suo linguaggio sarà incomprensibile, e più aumenterà il suo prestigio”.

Sul “Corriere della Sera” del 4 settembre 1989, invece, immagina un dialogo tra lui e Socrate: il moderno che difende il computer e il telefax e l’antico che mette in guardia gli uomini dal diventare “schiavi delle loro stesse invenzioni”.

Nell’articolo “Destra e sinistra, parole da archivio” su “La Repubblica” del 16 dicembre 1993, ci spiega come “le locuzioni destra e sinistra nacquero verso la fine del Settecento durante la restaurazione” ma oggi “conservatori e progressisti si scambiano di ruolo come se niente fosse” per poi concludere “non si capisce più chi sta col popolo e chi col capitale”.

Luciano De Crescenzo, ci parla ancora.

“Accadde Domani” (Scritti quasi profetici) di Luciano De Crescenzo edito da Mondadori 18 euro, pag. 204.

Pubblicato in Editoria

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI