Scarabocchi - Il mio primo festival a Novara

Scarabocchi - Il mio primo festival a Novara
Giochi, parole e scarabocchi. La quinta edizione della rassegna dedicata a quel gesto libero e istintivo capace di sfuggire al controllo della mente - lo scarabocchio - diventa una vera e propria festa che animerà il Cortile del Broletto di Novara da venerdì 16 a domenica 18 settembre 2022.

Angoli per disegnare ma anche farsi ritrarre, tavoli da gioco per condividere momenti di divertimento, libri per lasciarsi sorprendere, workshop a ciclo continuo per conoscere antichi mestieri e un gioco dell’oca formato gigante, arricchiranno un ricco programma di laboratori, seminari ed esperienze per bambini e bambine, ma anche per i curiosi di ogni età.

Ideato da Doppiozero e Fondazione Circolo dei Lettori,Scarabocchi” è un festival che invita a mettere in pratica le idee: adulti e bambini sono chiamati a misurarsi con colori, matite e pennelli, e con la propria interiorità, per esprimere se stessi, i propri sogni, incanti e desideri. Tutto questo sperimentando lo scarabocchio: segno ingenuo, sincero e talvolta avventato, che si fa spazio sul foglio bianco.

«Di nuovo per il quinto anno, siamo a Novara; il mio primo festival è il sottotitolo di questo appuntamento, perché questo è un festival per bambini e anche per adulti, per i genitori e per i loro figli. Questo festival vuole quindi legare gli adulti e i bambini. Ci sono laboratori e ci sono anche conferenze, incontri dedicati agli adulti. Cominciamo con gli ottant’anni di Altan, che si festeggeranno a fine settembre, grande vignettista, disegnatore, inventore di storie, moralista e anche scrittore; scrive ogni giorno sui giornali le sue vignette, le sue battute sono diventate qualcosa di allegro, a volte anche di pessimista, ma molto importanti per definire il paese e gli italiani. Poi ci sono cose di ogni tipo, laboratori dedicati alla legatoria, alla calligrafia, al gioco, perché il tema è il gioco, le figure e le parole, quelle degli artisti, dei disegnatori, degli illustratori. Avremo inoltre insieme a noi un’artista molto conosciuta, Olimpia Zagnoli, che viene da New York, e ripercorreremo la sua carriera di illustratrice, artista di forme e colori. Del gioco possiamo dire che ha due aspetti. Da un lato, si può intendere come gioco di parole, di facezie, iocu è un termine latino che indica questo aspetto fondamentale. Dall’altro il gioco è movimento, cioè conquistare lo spazio, scappare, tornare, saltare. Questo è l’elemento cinetico del gioco che si rovescerà dentro il festival Scarabocchi. Avremo anche Valerio Magrelli, uno dei poeti italiani più importanti che ha dedicato allo scarabocchio uno spazio importante nella sua poesia», racconta Marco Belpoliti, ideatore e curatore di “Scarabocchi”.

«Il gioco è una cosa seria: è qualcosa di cui tutti noi, grandi e piccoli, abbiamo bisogno per stare al mondo con più allegria e speranza. Dopo questi mesi e anni così difficili in cui la vita ci è stata stretta, ritornare a giocare è un dono inatteso. E “Scarabocchi” quest’anno è un festival più bello, ricco e gioioso che mai, pronto a far giocare tutti con le parole, i colori, i suoni», commenta Elena Loewenthal, direttrice della Fondazione Circolo dei Lettori.

 

Il tema in gioco: figure e parole

Dopo l’edizione 2020 dedicata ai nostri corpi, privati della socialità - nell’anno dell’esplosione pandemia di Covid-19 -, nel 2021 il festival ha proposto un movimento inverso: uscire da noi stessi per sentirci parte di un mondo più grande e profondamente connesso, quello della natura.

Nel 2022 l’invito è quello a giocare, dunque una chiamata collettiva a divertirsi, scherzare, svagarsi e ad aprirsi al mondo.

La parola gioco, infatti, deriva dal latino “iocu” ovverosia “scherzo”, “burla”, “gioco di parole”, “facezia” e poi c’è la parola ludu da cui deriva ludico, “gioco in azione”, e che rimanda all’aspetto libero e gioioso del gioco, svincolato dalle regole e afferente alla libera elaborazione della fantasia. In programma, da venerdì 16 a domenica 18 settembre, incontri parlati e laboratori creativi terranno insieme questi due aspetti del gioco, nel grande atelier d’artista del Cortile del Broletto, con workshop, officine, spettacoli per grandi e bambini.

 

Gli ospiti del festival

Chi disegna, gioca e interviene al festival: Francesco Tullio Altan, papà della Pimpa, in grado di cogliere, con icastica forza intellettuale, gli aspetti del costume italiano; il giornalista Michele Serra; lo psicologo e psicoterapeuta per l’infanzia Filippo Mittino; la biologa e scrittrice per bambini Chiara Segré, supervisore scientifico presso la Fondazione Umberto Veronesi per il progresso delle scienze; l’illustratore e cacciatore di storie Gabriele Pino; l’illustratore, grafico e designer Guido Scarabottolo; la scrittrice e sceneggiatrice Francesca Serafini, docente di drammaturgia e autrice, fra gli altri, di Questo è il punto. Istruzioni per l'uso della punteggiatura (Laterza); Alfredo Ghidelli, docente di graphic design e fondatore della Stamperia Legatoria “Sotto Torchio”; il visual designer, illustratore, ideatore del corso di Disegno Brutto Alessandro Bonaccorsi; il poeta, traduttore, critico letterario e docente di letteratura francese Valerio Magrelli; la grafica editoriale, disegnatrice e curatrice di mostre e cataloghi per i migliori illustratori contemporanei Giovanna Durì; lo scrittore, illustratore e formatore Nino Ferrara, autore convinto del fatto che scrittura, lettura ed illustrazione rappresentino un dirompente e proficuo mezzo per fare educazione sentimentale e prevenzione del disagio; la graphic designer e calligrafa Alex Barocco; l’illustratrice dallo stile inconfondibile Olimpia Zagnoli con Valentina Manchia, dottore di ricerca in Semiotica, esperta delle dinamiche di interazione tra verbale e visivo; l’illustratore Stefano Ricci con il musicista Vincenzo Vasi; i fumettisti Roberto Gagnor e Stefano Zanchi; il docente di Metodologia progettuale della comunicazione visiva e Teoria e pratica del disegno prospettico all'Accademia di Belle Arti di Brera e Teoria della percezione e psicologia della forma all'Istituto Europeo del Design di Milano Giuseppe Di Napoli; l’artista Ale Puro; il maestro tipografo, esperto di legatoria Lino Gerosa; la filologa Silvia Ferrara; lo scrittore Alessandro Barbaglia con Andrea Cavallini; l’insegnante di yoga ed esperto di giocoleria Marco Migliavacca.

Ed ancora i workshop proposti dalla Libreria Cappuccetto Giallo di Biella, fra giochi e fiabe; da Abio Novara che lavora nel reparto di Pediatria; dall’Associazione Il Tarlo, che porterà al Cortile del Broletto un ciclotornio per realizzare trottole di legno; da Novamont, partner del festival, per scoprire il Mater-Bi e divertirsi; dal Teatroallosso, per tuffarsi nel magico mondo del circo.

 

La festa dei giochi al Cortile del Broletto. “Non si finisce mai di giocare”

In ogni angolo del Cortile del Broletto, nel cuore di Novara, “Scarabocchi” aspetterà grandi e bambini per giochi a ciclo continuo, sabato 17 e domenica 18 settembre. Un fine settimana dedicato all’invenzione ed alla libera espressione di sé, all’amicizia ed alla complicità che solo il giocare insieme può creare.

In programma: La ludoteca rompicapo a cura di Associazione il Tarlo, ovverosia una ludoteca speciale, con tanti giochi della tradizione popolare, creazioni uniche e rompicapo strizzacervelli, per aguzzare l’ingegno e mantener giovane la mente ed il cuore, divertendosi; La libreria di Scarabocchi, a cura di Libreria Lazzarelli e Libreria La Talpa, una giungla ordinata di libri, libricini, libroni, degli ospiti del festival ma anche no; La Scarabocchieria, un angolo dedicato a piccole artiste e piccoli artisti per disegnare seguendo solo le impalpabili regole della fantasia dando libero sfogo a linee, idee, colori; I giochi da tavolo per dilettarsi con i grandi classici, Cluedo, Taboo, Uno, Memory; e infine Fatti disegnare a cura di Scuola Internazionale di Comics, ritratti a volontà per chiunque voglia vedersi disegnato.

 

Gli ingressi

Tutti gli appuntamenti, eccezion fatta per dove diversamente segnalato, saranno ad ingresso libero con prenotazione obbligatoria su scarabocchifestival.it. Per l’inaugurazione con Francesco Tullio Altan e Michele Serra, i biglietti sono disponibili al Teatro Coccia (dal martedì al sabato, ore 10.30-18.30; per informazioni: 0321/233201) e su fondazioneteatrococcia.it

Complesso Monumentale del Broletto (via Fratelli Rosselli, 20 – Novara)

 

“Scarabocchi. Il mio primo festival” è un progetto di Doppiozero e Fondazione Circolo dei lettori, realizzato con Città di Novara, con il sostegno di Regione Piemonte, con il contributo di Fondazione CRT. Partner Fondazione Comunità del Novarese onlus, Fondazione De Agostini, Fondazione Banca Popolare di Novara, Novamont, CNA Piemonte Nord, Fiordo, Cba, Cavanna, Trasgo, Notarimpresa. Si ringraziano Fondazione Teatro Coccia, Novara Jazz, Graphic Days, Scuola internazionale di Comics, Libreria Lazzarelli, Libreria La Talpa, Abio Novara, Fondazione Umberto Veronesi. Partner tecnici Italgrafica, Bonella carta, Guidetti, Ortofood, Glicemille, Papalla. In collaborazione con Atl Provincia di Novara.

I progetti “Storie senza confini” e “Nuvola dei lettori” sono realizzati con il contributo di Fondazione Cariplo e Fondazione Comunità del Novarese. Partner Comune di Novara - Biblioteca Civica Negroni e Associazione Culturale Muse.

Pubblicato in Editoria

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.


 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Informativa

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.