“Tornando a Palermo” di Enrico Maria Fender a Spazio5

“Tornando a Palermo” di Enrico Maria Fender a Spazio5
Verrà presentato mercoledì 21 marzo 2018 alle 19.00 presso Spazio5 - via Crescenzio 99/d, a pochi metri da piazza Risorgimento e non lontano dalla metro Ottaviano - a Roma il libro di Enrico Maria Fender “Tornando a Palermo” (Edizioni della mano d’oro), il racconto della Palermo anni Sessanta dal punto di vista di un ragazzino. L’autore verrà intervistato dallo storico dell’arte Costantino D’Orazio e dal regista Stefano Scialotti. Letture affidate all’attrice Maria Teresa Coraci. Al termine dell'incontro, degustazione di vino gentilmente offerto dall’ Azienda agricola siciliana Dei Principi di Spadafora.

In principio era un racconto. Poi la storia ha preso la mano, i personaggi hanno cominciato a vivere di vita propria e così le pagine, gli episodi, i fotogrammi hanno preso l'abbrivio del romanzo.

Un luogo, Palermo. Un tempo, il biennio '62-'63, anni di boom economico ma anche di bombe e stragi di mafia (che all’epoca non si chiamavano così). Un ragazzino, il protagonista, attraversa questo spazio-tempo e lo vive con gli occhi della sua età, dall'osservatorio rassicurante di una famiglia piccolo borghese. Per poi imbattersi in fatti e circostanze più grandi di lui.
La narcolessia, pur non essendo letale di per sé, rientra comunque nel genere delle patologie insidiose, non prive di pericoli per chi ne sia affetto. Ma, come accade spesso nell'esistenza bizzarra degli uomini, non sempre un male viene per nuocere. E in alcuni casi, come in questo, può produrre un romanzo in forma di film. O viceversa…

Enrico Maria Fender (nome d’arte di Enrico Stassi) attore e regista palermitano, dal 1984 al 1997 è stato direttore del Museo d'Arte Contemporanea di Gibellina, dove ha istituito una scuola di teatro, ha collaborato con le prime edizioni della rassegna Orestiadi e con gli artisti che si sono avvicendati in quegli anni, firmando anche la regia di alcuni lavori teatrali andati in scena per il cartellone della rassegna. Dal 1997 al 2000 è stato direttore artistico, per le sezioni Teatro e Arti visive, della rassegna Palermo di scena, nonché direttore artistico di cinque edizioni (dal 2007 al 2011) del Festival del Segesta. Attualmente vive a Roma, dove lavora presso la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Nel 2016 crea il marchio Edizioni della mano d’oro, auto-pubblicando tre titoli (i suoi Tre racconti diversi e Al mercato nessuno lo sa, e Non finito di Maria Teresa Koraci). Nel 2017, pubblica - sempre per le Edizioni della mano d'oro - Tornando a Palermo, il suo primo romanzo. Per il Teatro Biondo Stabile di Palermo, ha curato la regia dello spettacolo C'era e c'era Giuseppe Schiera di Salvo Licata, andato in scena dal 10 al 21 gennaio 2018.

Tornando a Palermo di Enrico Maria Fender, pubblicato da Edizioni della mano d’oro (Roma), prefazione di Stefano Scialotti, immagine di copertina di Maria Carla Mancinelli (particolare di Interferenza del divino n. 5, 2016), photo di Remo Casilli, copertina di Raffaella Ottaviani, è disponibile in libreria e online da maggio 2017.

 

Pubblicato in Editoria

Fotonews

Ultimo saluto a Raffaella Carrà

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI