Un ricordo della creatrice del Premio Strega nell’anniversario della sua nascita

Maria Bellonci con Ennio Flaiano Maria Bellonci con Ennio Flaiano foto Carlo Riccardi
Centoquattordici anni fa, il 30 novembre 1902, nasceva a Roma Maria Bellonci.

“Già da tempo cominciavo a pensare ad un nostro premio, un premio che nessuno ancora avesse mai immaginato. L’idea di una giuria vasta e democratica che comprendesse tutti i nostri amici mi sembrava tornar bene per ogni verso; confermava il nuovo acquisto della democrazia”.

Così Maria Bellonci racconta la nascita dell’idea di dar vita a un nuovo premio letterario, che, nell’Italia del dopoguerra, contribuisse alla rinascita culturale del Paese. Il Premio Strega verrà annunciato nel febbraio 1947 e, grazie al mecenatismo di Guido Alberti, gli verrà dato il nome del noto liquore prodotto dalla sua azienda. Da allora gli "Amici della domenica", che oggi formano un corpo di quattrocento persone inserite in vario modo nella cultura italiana, si riuniscono ogni anno per scegliere il vincitore in due successive votazioni. La prima avviene a giugno in casa Bellonci, mentre la seconda nei primi giorni di luglio al Ninfeo di Villa Giulia, a Roma. Fin dalla sua nascita il Premio Strega è stato indice degli umori dell’ambiente culturale e dei gusti letterari degli italiani. I libri premiati hanno raccontato il nostro Paese, documentandone la lingua, i cambiamenti, le tradizioni.

Maria Bellonci esordisce da scrittrice nel ‘39 con la psicobiografia Lucrezia Borgia. La sua vita e i suoi tempi, pubblicata in italiano da Arnoldo Mondadori e in inglese da Phoenix.

I suoi libri di argomento storico si fondano su una ricca e minuziosa ricerca storica condotta attraverso la consultazione dei documenti originali, a partire dai quali la scrittrice ricostruisce vividi e credibili ritratti dei personaggi storici descritti. Pertanto, la sua opera acquista un prezioso valore divulgativo, portando al cosiddetto “grande pubblico” una versione umana e storicamente documentata - nonché libera dalle numerose leggende accumulatesi nel corso dei secoli - di personaggi lontani nel tempo, quali i Borgia, gli Este, i Gonzaga, i Della Rovere, Marco Polo, che, all’inizio degli anni Ottanta, verrà anche portato sul piccolo schermo in uno sceneggiato televisivo Rai curato dall’autrice stessa.

Nel ’47, come già detto, all'interno del suo salotto letterario - denominato gli “Amici della domenica” - nasce il Premio Strega, da lei ideato insieme a Guido Alberti e la cui genesi verrà rievocata dalla stessa Maria Bellonci in Come un racconto gli anni del Premio Strega (Club degli Editori, Milano 1969).

Nel ‘79 riceve il Premio San Gerolamo.

Dal suo romanzo Segreti dei Gonzaga (Mondadori, Milano 1947) e dal racconto - contenuto in Tu vipera gentile - Delitto di Stato (Mondadori, Milano 1972), nell’82, verrà tratta la miniserie televisiva Delitto di stato, diretta da Gianfranco De Bosio.

Nell’86, anno della sua scomparsa,  sarà lei stessa a vincere il Premio Strega con Rinascimento privato (Mondadori), biografia di Isabella d'Este scritta in forma di romanzo autobiografico e considerato il suo capolavoro.

Fra le altre sue opere ricordiamo Milano Viscontea (Edizioni Radio Italiana, Torino 1956), Pubblici segreti (Mondadori, Milano 1965), Io e il premio Strega (Mondadori), pubblicato postumo nel 1987, Segni sul muro (Mondadori), pubblicato postumo nel 1988, Pubblici segreti n. 2 (Mondadori, Milano 1989), Il premio Strega (Mondadori, Milano 1995), Gente in castello (Mondadori, Milano 2007).

Alcune foto di Maria Bellonci sono ammirabili nella mostra Vita da Strega, curata dall’Archivio Fotografico Riccardi e formata da cinquanta scatti del grande fotografo Carlo Riccardi degli anni compresi fra il ’57 ed il ’71, in quindici differenti edizioni del Premio Strega.

Nelle foto della mostra troviamo autori e autrici quali Elsa Morante (Premio Strega 1957 con L’isola di Arturo), Dino Buzzati (Premio Strega 1958 con Sessanta racconti), Giuseppe Tomasi di Lampedusa (Il Gattopardo - 1959 - da cui, quattro anni dopo, verrà tratto l’omonimo film di Luchino Visconti interpretato da Burt Lancaster, Claudia Cardinale, Alain Delon, Paolo Stoppa, Serge Reggiani, Romolo Valli, Rina Morelli, Mario Girotti - non ancora Terence Hill - e Ottavia Piccolo), Carlo Cassola (La ragazza di Bube - 1960 - da cui, tre anni dopo, verrà tratto l’omonimo film di Luigi Comencini interpretato da Claudia Cardinale e George Chakiris), Raffaele La Capria (Premio Strega 1961 con Ferito a morte), Mario Tobino (Il clandestino - 1962), Natalia Ginzburg (Premio Strega 1963 con Lessico famigliare), Giovanni Arpino (Premio Strega 1964 con L’ombra delle colline), Paolo Volponi (Premio Strega 1965 con La macchina mondiale), Michele Prisco (Una spirale di nebbia - 1966), Anna Maria Ortese (Poveri e semplici - 1967), Alberto Bevilacqua (L’occhio del gatto - 1968), Lalla Romano (Le parole tra noi leggere - 1969), Guido Piovene (Premio Strega 1970 con Le stelle fredde), Raffaele Brignetti (Premio Strega 1971 con La spiaggia d’oro).

Vita da Strega è anche un libro, presentato in anteprima nel corso dell’inaugurazione della mostra e intitolato Gli anni d’oro del Premio Strega - Racconto fotografico di Carlo Riccardi (Edizioni Ponte Sisto, Roma 2016). Il volume, a cura di Maurizio Riccardi e Giovanni Currado, raccoglie una selezione di oltre novanta foto - una più ampia sintesi della raccolta presente all’interno dell’Archivio Riccardi - e si conclude con un commento di Stefano Petrocchi, direttore della Fondazione Maria e Goffredo Bellonci. In copertina troviamo una foto che ritrae proprio Maria Bellonci (insieme ad Elsa Morante) nel 1957, anno in cui la grande scrittrice vinse il Premio Strega.

 

Pubblicato in Editoria

Fotonews

Premio Socrate 2021

Archivio Riccardi - L'Europa unita e i suoi protagonisti. 400 libri alle scuole del Lazio

  • L'Europa unita e i suoi protagonisti. 400 libri a scuole e biblioteche del Lazio Inviati 400 libri dell’Istituto Quinta Dimensione a scuole e biblioteche del Lazio per il progetto fotografico “L’Europa unita e i…

L'Archivio Riccardi al meeting dell'American Women's Association of Rome

  • L'Archivio Riccardi al meeting dell'American Women's Association of Rome Si è svolta nella fantastica terrazza dell'Hotel Babuino 181, il meeting generale di ottobre dell'American Women's Association of Rome (AWAR).

Premio Bronzi di Riace - Maurizio Riccardi insignito del titolo di "Guerriero"

  • A Maurizio Riccardi il prestigioso Premio Bronzi di Riace Maurizio Riccardi, direttore di AGRpress e dell'Agenzia AGR è stato insignito del titolo di "Guerriero" dall’Associazione Turistica Pro-Loco Città di Reggio Calabria, nel corso dell'evento…

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI