Uscito il libro di Marco Bentivogli “Abbiamo rovinato l’Italia?”

"Abbiamo rovinato l'Italia?" di Marco Bentivogli "Abbiamo rovinato l'Italia?" di Marco Bentivogli
I sindacati hanno “rovinato l’Italia?” Perché non si può fare a meno del sindacato? Domande sempre più attuali in un’epoca come quella che stiamo vivendo, un’epoca in cui stabilità e certezze vanno scomparendo sempre più.

Un sindacato ha ragion di esistere solo se rappresenta qualcuno, se ha un progetto di cambiamento. Se fino ad oggi, sia pur con dei limiti, ciò è avvenuto, fondamentale è il fatto di chiedersi in che modo, anche in futuro, il sindacato sarà in grado di svolgere tale ruolo di rappresentanza. Una cosa è sicura: i lavoratori, se rimangono uniti, sono più forti e di conseguenza più liberi.

Il lavoro si sta modificando sempre più. Su scala mondiale, i cambiamenti della geografia del lavoro e le trasformazioni del sistema produttivo che la cosiddetta “quarta rivoluzione industriale” sta portando - e inesorabilmente continuerà a portare - richiedono un sindacato che sia in grado di cambiare e di avere “nostalgia del futuro”. Portando avanti una critica ai limiti e ai difetti del sindacato odierno e rivendicando le scelte della sua organizzazione nelle difficili vertenze affrontate durante la crisi, Marco Bentivogli, segretario dei metalmeccanici della Cisl, nel suo libro Abbiamo rovinato l’Italia? propone la sua idea di sindacato come “luogo pubblico delle aspirazioni dei giovani” e di tutte le generazioni, precedenti e successive. Un luogo che sia aperto, pragmatico, volto alla partecipazione collettiva, lontano da estremismi e che, attraverso lo studio, l’impegno costante, e una chiara visione del futuro, sia in grado di anticipare le evoluzioni della realtà.

Il sindacato visto come “un’esperienza di promozione del lavoro e delle persone che dà respiro alla democrazia, un sano contrappeso al potere politico ed economico”. Anche da questo nasce l’invito dell’autore ai giovani. Quello di impadronirsi del sindacato, prender le redini e portarlo avanti attraverso le sfide del presente e le altre battaglie da combattere in futuro.

Abbiamo rovinato l'Italia? di Marco Bentivogli, pubblicato da Castelvecchi Editore (Roma) nella collana “Radar”, è disponibile in libreria da fine giugno 2016.

Pubblicato in Editoria

Fotonews

Terza dose di vaccino per Giorgio Parisi

Archivio Riccardi - L'Europa unita e i suoi protagonisti. 400 libri alle scuole del Lazio

  • L'Europa unita e i suoi protagonisti. 400 libri a scuole e biblioteche del Lazio Inviati 400 libri dell’Istituto Quinta Dimensione a scuole e biblioteche del Lazio per il progetto fotografico “L’Europa unita e i…

L'Archivio Riccardi al meeting dell'American Women's Association of Rome

  • L'Archivio Riccardi al meeting dell'American Women's Association of Rome Si è svolta nella fantastica terrazza dell'Hotel Babuino 181, il meeting generale di ottobre dell'American Women's Association of Rome (AWAR).

Premio Bronzi di Riace - Maurizio Riccardi insignito del titolo di "Guerriero"

  • A Maurizio Riccardi il prestigioso Premio Bronzi di Riace Maurizio Riccardi, direttore di AGRpress e dell'Agenzia AGR è stato insignito del titolo di "Guerriero" dall’Associazione Turistica Pro-Loco Città di Reggio Calabria, nel corso dell'evento…

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI