Vietato annaffiare i fiori di Chiara Cecere a Spazio5

Vietato annaffiare i fiori di Chiara Cecere a Spazio5
Verrà presentata martedì 19 luglio 2022 alle ore 20.00 presso Spazio5 - via Crescenzio 99/d, a pochi metri da piazza del Risorgimento e non lontano dalla metro Ottaviano - la raccolta di poesie di Chiara Cecere “Vietato annaffiare i fiori”.

L’autrice dialogherà con PxiL (Pazzi per i libri) e con Francesca Ripanti. Alcuni brani del libro verranno recitati da Elena Morini. Accompagnamento musicale di Benedetta Casali.

«Nel frattempo di’ pure / a tutte le tue aspettative / che le aspetto domani / al calar della sera / al di là di quel campo / che conoscono bene» (Chiara Cecere, L’appuntamento, in Vietato annaffiare i fiori, 2022)

«Tu ami molto / decine di fantasmi / ma ami poco / quella nuvola / di meraviglia / che è la tua stanca coscienza» (Chiara Cecere, Zucchero filato, in Vietato annaffiare i fiori, 2022)

 

Vietato annaffiare i fiori nasce come raccolta di poesie, emozioni, paure e pensieri. È la vita, qui, che pretende di essere raccontata, nel suo intreccio primordiale e inscindibile di parole e immagini, dio linee e figure, di assenze e ritorni. È la vita che reclama il suo spazio, e, nel farlo, espone inevitabilmente chi scrive al pericolo della condivisione. Ma, come diceva Hölderlin, «là dove c’è il pericolo, cresce anche ciò che salva».

Chiara Cecere nasce a Roma il 9 marzo 1999. Da bambina si innamora dei libri; un’attrazione fatale. Nel frattempo, impara a tradurre dal greco, studia filosofia, si laurea, pubblica una raccolta di poesie. Ogni tanto si chiede se la pecora abbia infine mangiato il fiore, e allora sì che tutto cambia.

 

La presentazione della raccolta di poesie di Chiara Cecere Vietato annaffiare i fiori - conduce: Francesca Ripanti; recita delle poesie: Elena Morini; accompagnamento musicale: Benedetta Casali - si svolgerà a Spazio5 martedì 19 luglio 2022.

 

Pubblicato in Editoria

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.