Addio Pietro Coccia

Pietro Coccia il 24 Ottobre 2014 riceve il Premio Francesco Alessi Pietro Coccia il 24 Ottobre 2014 riceve il Premio Francesco Alessi G. Currado © Agr
Il 3 giugno 2019 è stato trovato morto nella sua casa dai colleghi, allarmati perché da ore non rispondeva alle telefonate il fotografo Pietro Coccia, uno dei professionisti più noti del cinema italiano. 
I funerali di Pietro Coccia saranno lunedì 10 giugno alle ore 11 nella chiesa di Santa Maria Addolorata - detta degli Argentini - in Piazza Buenos Aires a Roma. Al termine della cerimonia la salma verrà portata al cimitero del Verano per la tumulazione nella cappella di famiglia. 
 
Nato a Roma il 19 luglio 1962, Coccia era per il cinema il 'gigante buono', amico di tutti, persona di generosità straordinaria ha scattato le sue ultime foto ai Nastri d'argento e al Festival di Cannes. Soffriva di diabete e da qualche tempo le sue condizioni di salute erano peggiorate.
 
Il mondo del cinema ha espresso immediatamente il proprio cordoglio. Tanti i tweet dei personaggi dello spettacolo, ognuno con un ricordo personale del fotografo. 
 
Il post di Pierfrancesco Favino: «La tensione mi assale, la prima del film è fra pochi minuti. Piacerà? Sarò all’altezza? Bisogna fare le fotografie per la stampa. Un plotone di teleobiettivi mi fissa, da dietro quei vetri riconosco la voce di sempre che mi chiama: “Pierfrancesco “, è la voce di Pietro Coccia. Lui c’è sempre stato, dai miei primi film fino alla scorsa settimana. Quella voce è ormai di famiglia e sentendola mi calmo, quella voce mi dice che comunque andrà il film ci sono cose più importanti come l’amicizia, la gentilezza, la generosità. Quella voce adesso dovrò ricordarla perché Pietro, come sempre con garbo, se n’è andato. Mi mancherai».
 
 
Elena Sofia Ricci: « Ad immortalarci dietro le macchine da presa o fotografiche ci sono persone non visibili al pubblico , ma senza di loro noi non esisteremmo. Pietro era uno di loro. Un grande fotografo, ma soprattutto un amico caro , affettuoso. Non riesco a crederci! Ciao Pietro».
 
Daniele Vicari: «È una di quelle pessime notizie che ti stroncano. Fino ad un minuto fa avevo ancora una sua email non aperta, nella quale mi invia decine di foto scattate in occasione della conferenza stampa del Piccolo America, mi ha mandato gli scatti che ha fatto a me e all’amico Francesco Bruni, ne posto uno in forma di ringraziamento. Pietro era ovunque, nonostante la sua mole s’infilava e scattava centinaia di fotografie».
 
Piera Detassis: « Anni di vita professionale con Pietro Coccia sempre a fianco, i suoi biglietti aerei scontati acquistati mesi prima, la generosità del fotografo che vuol solo scattare. Anche quando non c’è luce. Il cinema gli deve tanto. Io, tantissimo. Un dolore immenso».
 
Francesca Archibugi posta una foto di lei con Virzì e Francesco Piccolo: «La foto che conserviamo divertiti ce l’ha fatta Pietro. Prendeva qualcosa. Francesco perplesso, io sotterrata, Paolo coraggioso. Nella raffica di scatti sapeva scegliere cosa divulgare. Era buono, gentile, elegante e bravo».
 
Pubblicato in Fotografia
Giovanni Currado

Responsabile editoriale dell'agenzia Agr Srl.
Giornalista e fotografo, autore di diversi reportages in Asia e Africa. Responsabile dello studio dell'immenso archivio fotografico Riccardi e curatore della collana "Fotografici" per Armando Editore.

Contatti

Fotonews

ANA presenta I musei di Roma

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI