“Emozioni dal lago”, fotografie di Paola Scarsi nel “Museo Civico Etrusco Romano” di Trevignano Romano

“Emozioni dal lago”, fotografie di Paola Scarsi nel “Museo Civico Etrusco Romano” di Trevignano Romano
Sabato 16 marzo alle ore 17,00 nel “Museo Civico Etrusco Romano” di Trevignano Romano, in Piazza Vittorio Emanuele III, sarà inaugurata dal Sindaco di Trevignano Romano Claudia Maciucchi,dal Vice Sindaco Luca Galloni, daSabrina Cianti, delegata alla cultura del Comune, da Roberto Ambrogi, presidente ARGA Lazioe da Emanuele Perugini, coordinatore Bracciano Smart Lake, la mostra fotografica di Paola Scarsi “Emozioni dal lago”.

La composizione delle immagini realizzate da Paola Scarsi e l’accurata attenzione alla luce  naturale, sollecitano nello spettatore una sorta di intimità contemplativa con il Lago di Bracciano sulla cui riva nord sorge l’affascinante borgo di Trevignano Romano.

Così Paola Scarsi spiega il senso delle sue fotografie: “Due sono le domande che mi vengono fatte quando dico di essermi trasferita dal centro di Roma a Trevignano Romano: ‘Ma non è umido?’ ‘Ma non è triste?’. Alla prima domanda rispondo che non è affatto umido, a differenza di Roma, come assai più autorevolmente di me ebbe ad affermare - qualche secolo fa - Paolina Bonaparte. Alla seconda provo a rispondere con queste fotografie: sole, pioggia, giorno, notte, alba, tramonto, estate, inverno, nuvole e cielo terso in un'esplosione di colori costantemente rinnovati senza soluzione di continuità. E ancora il lavoro e lo svago degli uomini, la voracità e la mitezza degli animali, l'amore e l'odio tra di loro. Trevignano Romano e il Lago di Bracciano non sono MAI tristi.  Anzi! Al contrario sono fulcro catalizzatore di emozioni e di sentimenti.

L’immagine che ho scelto per la locandina, ‘Emma (questo il nome del gatto) e il cigno’, vuole rappresentare il senso di unione tra animali apparentemente diversissimi e lontani, tra il lago e la riva, tra l’acqua e la terra, tra la terra e il cielo. Una metafora dell’unione e della solidarietà che dovrebbero appartenere a ciascuno di noi. Ho scattato tutte le foto con una macchina fotografica compatta, senza obiettivi intercambiabili e senza alcun accorgimento. Non ho ‘trattato’ le fotografie, né con Photoshop né con le app gratuite che permettono con pochi passaggi di modificarle perché ritengo che lo scatto fotografico debba rappresentare ‘ciò che vedo qui e ora e come lo sto vedendo’ e perché desidero dimostrare che questo luogo e questo lago sono talmente affascinanti e meravigliosi che (quasi) chiunque può scattare belle fotografie”.

“Ha proprio ragione Paola Scarsi quando dice: ‘Qui tutti possono fare belle fotografie’, ha scritto Mario Rebeschini, giornalista e fotoreporter già presidente Associazione Italiana Reporters Fotografi.Vero, proprio come quelli che vanno due settimane in Africa scattando foto a leoni, impala, elefanti a feste folcloristiche organizzate per loro di cui una volta tornati a casa resteranno solo le foto e ricordi. Ecco la differenza tra loro e Paola. Paola è a Trevignano Romano, sul lago, 365 giorni all’anno con una finestra grande come lo schermo di un cinemascope dove può ‘godersi il film’ estate inverno, giorno e notte, con sole e pioggia. Ma non è finita: Paola è anche una giornalista. Appassionata di natura, che sa scrivere con la luce. Che non si ferma, come la maggioranza delle persone, a mirare il volo dei cigni e le loro battaglie per avere la femmina più bella. Quando vede il pescatore, un puntino nero in mezzo al lago, inizia ad immaginare la vita del puntino. Di solito è una bella storia perché Paola è solare e ama la vita. Per questo mi piacerebbe che un giorno Paola – nella sua seconda mostra sul lago – portasse anche un libro sulle storie che ha immaginato non solo degli uomini del lago ma anche dei cigni, delle tartarughe, delle rondini e del gatto che parla con il cigno”.

La mostra ha il Patrocinio del Comune di Trevignano e di ARGALazio, Gruppo di specializzazione della FNSI presieduto da Roberto Ambrogi, cui aderiscono i giornalisti della Regione Lazio che si occupano di Ambiente, Territorio, Agricoltura, Enogastronomia, Turismo.

Pubblicato in Fotografia
Alberto Esposito

Giornalista pubblicista iscritto all'Albo dei Pubblicisti del Lazio da Marzo 2004.
Si occupa di montaggio, postproduzione, dirette televisive, registrazioni in studio, editing audio e video.
Collabora ed ha collaborato con diversi quotidiani tra cui Italia Sera, La voce e Il Romanista

Fotonews

ANA presenta I musei di Roma

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI