La Cambogia in “Ghosts from the past” del fotografo Karl Mancini

La Cambogia in “Ghosts from the past” del fotografo Karl Mancini
Sabato 28 marzo è stata inaugurata la mostra fotografica “Ghosts from the past” di Karl Mancini, curata da Mavi Caracuta, presso la sede di WSP Photography, un'associazione culturale di Roma.

La Cambogia è un Paese in grande sviluppo grazie agli ingenti investimenti stranieri degli ultimi anni, soprattutto Russi e Francesi, che hanno contribuito a questo processo cambiando abitudini e stili di vita di una parte del paese. Ma, non molto lontano dalla turistica Serendipity beach di Sianoukville o dai magnifici templi di Angkor, il tanfo delle latrine si sente ancora forte e la gente vive ancora in condizioni disperate.

Lacerata da decenni di guerre, quella che veniva storicamente definita come “Terra del sorriso”, si scontra tuttora con la silenziosa minaccia delle mine antiuomo. La peggiore delle eredità. Dal 1975 al 1979, le mine vennero usate in massa dai Khmer Rossi. Il loro leader Pol Pot fu artefice di una delle più cruente rivoluzioni nella storia dell’umanità, circa 1,8 millioni di persone persero la vita.
Dopo la fine della rivoluzione, nuove mine furono disseminate sul territorio dall’esercito vietnamita e dal governo cambogiano durante la guerra civile fino anche dopo la morte di Pol Pot a metà degli anni 90. Ancora oggi i conflitti interni devastano il tessuto civile del Paese che è tra primi al mondo per numero di amputazioni pro capite: più di 30000 persone hanno perso arti a causa delle mine e degli ordigni militari inesplosi. I più colpiti sono i bambini e i contadini.

Lavorando al progetto “Ghosts from the past” Karl Mancini ha passato quattro anni ad occuparsi del problema, collaborando con diversi gruppi ONG che operano nelle zone delle province di Banteay Meanchey, Krong Pailin, Oddar Meanchey, Preah Vilear, Pursat e Siem Reap, offrendo aiuto a chi ha bisogno di riabilitazione fisica e supporto medico. Dal 1997 ad oggi più di 150 paesi hanno firmato la Convenzione di Ottawa che vieta la produzione, l’immagazzinamento, l’uso e la vendita delle mine antiuomo.  

A quindici anni di distanza dalla firma degli accordi di pace, ancora oggi, ogni mese circa venti persone sono vittime di questa piaga. Una famiglia su due in Cambogia ha subito un uccisione da parte dei Khmer Rossi. Molti dissidenti oggi sono tornati nei loro villaggi con il desiderio di superare gli effetti di quella guerra e di poter ricominciare una nuova vita.

La mostra sarà aperta fino al 7 maggio 2015 dal lunedì al sabato (escluso martedì) dalle 19:00 alle 23:00, presso la sede dell'associazione culturale romana WSP Photography, in via  Costanzo Cloro 58 – Roma (metro B san paolo).

L’Associazione Culturale WSP Photography è composta da un collettivo di fotografi freelance operanti in particolare nel campo del reportage sociale e di attualità. I loro progetti nascono dalle singole visioni della realtà e da personali espressioni fotografiche, trovando sintesi nella comune idea di una fotografia libera, critica e di inchiesta. Il gruppo, variegato in stili e personalità, ha intrapreso un progetto che da un’idea comune si articola in mille sfumature. Da ottobre 2011 l’Associazione Culturale WSP Photography ha aperto una propria sede nel quartiere San Paolo dove portare avanti le proprie attività quali corsi, workshop, incontri con autori, organizzazione di laboratori fotografici. La nuova sede, il cui ingresso è riservato ai soli soci, è anche a disposizione per la consultazione di riviste, libri, la promozione di mostre personali o collettive… o semplicemente per bere un caffè o bersi un bicchiere di vino.

WSP Photography è il nuovo spazio dedicato alla fotografia nel quartier San Paolo, ma è anche coffe & wine bar dove gustare ottimo vino e birre d’importazione , oppure studiare davanti una tazza di tè navigando in internet grazie al Wi Fi gratuito.

 

 

 

 

Pubblicato in Fotografia

Fotonews

Manifestazione Scuola Montecitorio

 


 

Agrpress

AgrPress è una testata online, registrata al Tribunale di Roma nel 2011, frutto dell’impegno collettivo di giornalisti, fotografi, videomakers, artisti, curatori, ma anche professionisti di diverse discipline che mettono a disposizione il loro lavoro per la realizzazione di questo spazio di informazione e approfondimento libero, autonomo e gratuito.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI