Music:box le foto a ritmo di rock

Music:box è in libreria, un libro a cura di Gino Castaldi che attraverso le immagini dei più grandi fotografi racconta la musica popolare e le sue trasformazioni attraverso una prospettiva del tutto nuova. Le fotografie presentano i luoghi fisici e ideali in cui la musica popolare è apparsa, si è fatta storia e continua a vivere: dai fan ai locali storici, dalle ville alle sale d’incisione. Ma anche le situazioni, i protagonisti e gli oggetti.

foto_music_box_libroMusic:box è in libreria, un libro a cura di Gino Castaldi che attraverso le immagini dei più grandi fotografi racconta la musica popolare e le sue trasformazioni attraverso una prospettiva del tutto nuova (guarda il booktrailer).

Le fotografie presentano i luoghi fisici e ideali in cui la musica popolare è apparsa, si è fatta storia e continua a vivere: dai fan ai locali storici, dalle ville alle sale d’incisione. Ma anche le situazioni, i protagonisti e gli oggetti. Partendo dal palco e il backstage, la notte e la vita quotidiana, passando attraverso il corpo, la chitarra, il cappello per approdare agli occhi, ai dettagli che compongono a livello visivo l’immaginario che gira intorno alla musica.

Bryan Adams, Anton Corbijn, Philippe Halsman, Guido Harari, Elliott Landy, Annie Leibovitz, Guy Le Querrec, Robert Mapplethorpe, Jim Marshall, Terry O’Neill, Giuseppe Pino, Neal Preston, Herb Ritts, Phil Stern, Dennis Stock, Albert Watson, sono solo alcuni dei fotografi che nel corso degli anni hanno immortalato e sospeso in un attimo infinito icone e performance musicali.

Sì perché, come dice Gino Castaldo, “non ci sarebbe stato il rock’n’roll se prima qualcuno non l’avesse ‘visto’”

“La musica ha sempre preteso un’immagine, come indispensabile complemento della sua fuggevole, immateriale natura fisica. E già molto prima dell’avvento dei videoclip i fotografi hanno catturato le scie di fiammeggianti chitarre lanciate a sfidare il cielo, le espressioni intense di facce che portavano note incise sul volto, le notti chiaroscurate del jazz, acconciature, attimi fuggenti, dinamiche mobilità sonore, backstage eccitati o malinconici, metamorfosi, pubblici in estasi, complicità collettive, perfino il beat delle cadenze storiche. A mettere insieme in un’ideale, infinita libreria, tutte le immagini significative che riguardano la musica, verrebbe fuori la più imperiosa e completa sinfonia del Novecento.”

Gino Castaldo, tra i più noti giornalisti e critici musicali italiani, scrive su La Repubblica. Dal 2005, insieme a Ernesto Assante, tiene delle “Lezioni di rock. Viaggio al centro della musica” con lo scopo di approfondire, grazie anche a un ascolto guidato e ai video mostrati, la storia di coloro che sono entrati nella leggenda del rock. Ha pubblicato numerosi volumi tra cui La mela canterina. Appunti per un sillabario musicale, La terra promessa. Quarant'anni di cultura rock, Il buio, il fuoco, il desiderio e, con Ernesto Assante, Blues, Jazz, Pop, Rock, 33 dischi senza i quali non si può vivere e Il tempo di Woodstock.

MUSIC:BOX

Autore    Gino Castaldo

Edizione  Contrasto

http://www.contrastobooks.com

Pubblicato in Fotografia

Fotonews

Festa dell'Europa 2022

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI