Pavia Fotografia - Sguardi tra natura e città

Pavia Fotografia - Sguardi tra natura e città
Il 9 settembre 2015, ore 18, lo Spazio per le arti contemporanee del Broletto (Piazza della Vittoria, Pavia) inaugura tre mostre per un grande progetto di fotografia: "Metamorfosi" di Antonio Manidi, "I rumori del silenzio" di Stefano Montagna e la collettiva "Paesaggio italiano". La mostra prosegue fino al 18 settembre 2015.

Pavia Fotografia. Sguardi tra natura e città: tre mostre per un grande progetto di fotografia, firmato dall’Associazione Culturale Pavia Fotografia. La mostra inaugura mercoledì 9 settembre 2015, ore 18, nello Spazio per le Arti Contemporanee del Broletto di Pavia, e presenta fino al 18 settembre 2015 tre differenti esposizioni, legate tra loro dal tema del paesaggio cittadino, al confine tra ciò che è ancora natura e ciò che è decisamente urbano.

In mostra sono le immagini di Antonio Manidi, fotografo pavese e presidente dell’Associazione Culturale Pavia Fotografia (attiva sul territorio dal 1988), protagoniste della personale Metamorfosi, che dialogano con gli scatti di Stefano Montagna, raccolti nella personale I rumori del silenzio, e con quelli protagonisti della collettiva Paesaggio italiano, esito di un lavoro svolto da Antonio Manidi con altri fotografi, soci e allievi dell’Associazione pavese. La Metamorfosi, come la intende Manidi, non è una semplice trasformazione, ma “un viaggio che parte dall’essenza, dall’anima, e dopo aver compiuto un lungo e intenso percorso, ritorna all’entità di partenza, per poi ricominciare un altro viaggio”. Gli scatti di Antonio Manidi cercano di cogliere l’essenza, di addentrarsi nel mistero e di percepirlo con lo sguardo: “Solo un’osservazione attenta consente di cogliere la sostanza propria di un elemento, attraverso magici istanti che la fotografia permette di rubare e condividere”.

I rumori del silenzio di Stefano Montagna si riferiscono a ciò che rimane dei grandi spazi - ex fabbriche abbandonate, come la Necchi. Si tratta di strutture vuote, “piene di detriti che ora fanno bella mostra di sé e danno tanta tristezza con la loro desolazione, e tutto sembra irreale. Ciò che resta, è solo un assordante silenzio”.
La collettiva Paesaggio italiano si concentra sull’Italia, sul contrasto tra paesaggi antichi e contemporanei, e sul confronto tra i due: “Il paesaggio – spiega Manidi – è la particolare fisionomia di un territorio e comprende (nelle sue caratteristiche fisiche, biologiche ed etniche) sia la realtà che l’apparenza di realtà. Da questo punto di vista il paesaggio è anche un potente linguaggio, e non esiste paesaggio senza la rappresentazione di esso. È il riflesso degli stati d’animo dell’osservatore, che lo modifica nell’immaginario psicologico, è il riflesso dello sguardo sul mondo di ogni singolo individuo, è una visione puramente soggettiva, legata all’esistenza, ai ricordi, alle emozioni”.

Orari: da martedì a venerdì ore 17-20, sabato e domenica 10:30-12:30; 17-20. 
Ingresso libero

 

 

Pubblicato in Fotografia

Fotonews

ANA presenta I musei di Roma

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI