Stampa questa pagina

Fra Angelico et les Maîtres de la lumière

Il museo Jacquemart-André di Parigi è il primo museo francese da rendere omaggio ad Fra Angelico, figura principale del Quattrocento, con la mostra “Fra Angelico et les Maîtres de la lumière”. Venerdì 23 settembre al museo di Parigi Jacquemart-André è in programma l’inaugurazione della mostra di eccezionale importanza dedicata al Rinascimento italiano.

fra__angelico

Il museo Jacquemart-André di Parigi è il primo museo francese da rendere omaggio ad Fra Angelico, figura principale del Quattrocento, con la mostra “Fra Angelico et les Maîtres de la lumière”.

Venerdì 23 settembre al museo di Parigi Jacquemart-André è in programma l’inaugurazione della mostra di eccezionale importanza dedicata al Rinascimento italiano.

L’esposizione presenta quasi 25 opere principali di Fra Angelico ed altrettanti pannelli realizzati dai pittori prestigiosi: Lorenzo Monaco, Masolino, Paolo Uccello, Filippo Lippi , Zanobi Strozzi.

Il museo d’oltralpe, che ospita la collezione d'arte riunita tra 1864 e 1912 dai coniugi Edouard André e Nélie Jacquemart, aprirà al pubblico e resterà visibile fino al 16 gennaio.

L’esposizione, che raccoglie opere di immenso valore, è stata organizzata con la collaborazione dei grandi musei italiani tra cui compare il Museo Civico “Amedeo Lia”, accanto agli Uffizi, al Museo di San Marco a Firenze e alla romana Galleria Nazionale di Palazzo Corsini.

Combinando nelle sue opere l’abbagliamento degli ori, ereditato dallo stile gotico, al nuovo controllo della prospettiva, Fra Angelico (1400-1455) ha partecipato interamente alla rivoluzione artistica e culturale che conosce Firenze all'inizio del XVe secolo.

È così stato l ’iniziatore d ’una corrente artistica che gli specialisti hanno chiamato i pittori della luce. Attorno a lui, saranno evocati i pittori famosi che hanno esercitato un'influenza significativa sulla sua arte, come suo dott. Lorenzo Monaco (1370-1424), Masolino (1383- 1440) e Paolo Uccello (1397-1475), come pure gli artisti che l’ho hanno ispirato a sua volta, come Filippo Lippi (1406-1469) o Zanobi Strozzi (1412-1468).

Pubblicato in Arte

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI