Stampa questa pagina

Fipe, turismo in sofferenza

Il turismo accusa questa lunga crisi: per l’estate 2013 i lavoratori in bar, ristoranti e altre imprese turistiche saranno -25.000 rispetto allo scorso anno.

fipe-Spiaggia

Il turismo accusa questa lunga crisi: per l’estate 2013 i lavoratori in bar, ristoranti e altre imprese turistiche saranno -25.000 rispetto allo scorso anno.
Questa la stima di Fipe-Confcommercio. Il calo, per l’80%, riguarda l’occupazione stagionale e coinvolge circa 21mila lavoratori stagionali. Quest’estate, fonte Fipe, è la peggiore degli ultimi 17 anni, complice non soltanto la crisi ma anche il maltempo.
La previsione è che per quest’anno solo il 39.7% degli italiani potrà godere di un periodo di riposo tra il 1 luglio e il 30 settembre: nel 2012 era il 40,8% e nel 2008 il 48,2%. ''I dati sul calo dei fabbisogni occupazionali da parte delle imprese turistiche sono preoccupanti - afferma Lino Stoppani, presidente Fipe, - perché stanno a significare che la macchina del turismo non gira neppure nel periodo più vocato dell'anno.
La crisi ha prima intaccato la propensione degli italiani a fare più vacanze nel corso dell'anno ed ora sta mettendo in discussione persino la mono-vacanza estiva.
E l'attesa tenuta del turismo internazionale non sarà certamente sufficiente a salvare la stagione''. Quindi i viaggi estivi 2013 saranno il 6% in meno rispetto al 2012 e il 32% in meno rispetto al 2008, attestandosi a 29 milioni. L'impatto della contrazione dei flussi turistici interni viene stimato in 1,5 miliardi di Euro, 268 milioni dei quali a carico della sola ristorazione.

Lea Ricciardi

Pubblicato in Attualità
Lea Ricciardi

Lea si occupa di tutto quello che ruota attorno al mondo della comunicazione da diversi anni.
Appassionata di vini e affini, e' diplomata sommelier AIS.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI