Stampa questa pagina

Roma ricorda Cleto Morelli

Roma ricorda Cleto Morelli
Lunedì 26 maggio a Roma nella Sala delle Colonne della Camera dei Deputati, in via Poli n. 19, l’architetto Francesco Crupi, l’urbanista Stefano Garano, l’economista Andrea Saba e Giovanna Napolitano, Presidente della Fondazione Levi Pelloni, moderati dal giornalista, scrittore e storico  Pino Pelloni, ricorderanno la figura dell’ingegnere Cleto Morelli, uno degli urbanisti più importanti della seconda metà del Novecento. Cleto Morelli, veneziano di nascita e romano di adozione, è considerato, alla pari di Aymonino e Italo Insolera, uno degli urbanisti più significativi del nostro Paese.  Morelli iniziò la propria attività professionale e culturale frequentando l’ambiente della cosiddetta “scuola romana” nata sotto l’influenza della pittura neorealista di Mario Mafai, Toti Scialoja e Renato Guttuso a contatto con un gruppo di architetti che rispondono ai nomi di Luisa Anversa Ferretti, Carlo Aymonino, Giuseppe Campos Venuti, Sergio Lenci e Piero Moroni che, opponendosi fermamente alla retorica mussoliniana dell’architettura di Marcello Piacentini e Arnaldo Foschini, operarono nei versanti dell’urbanistica e dell’architettura apportando significativi contributi allo sviluppo del rapporto tra i due campi disciplinari. Progettista ed accademico di vaglia, Cleto Morelli è stato un intellettuale illuminato, raffinato cultore di storia ed architettura, profondo conoscitore di usanze e tradizioni sacre. La manifestazione è promossa dalla Fondazione Giuseppe Levi Pelloni – Centro Nazionale di Ricerche Storiche, nell’ambito della XXV edizione del rassegna culturale FiuggiPlateaEuropa. Alberto Esposito
Pubblicato in Attualità