Stampa questa pagina

Italia-Iran: firma del protocollo di collaborazione culturale

Ali Jannati e Dario Franceschini Ali Jannati e Dario Franceschini M. Riccardi © Agr
Il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini, e il Ministro iraniano della Cultura e della Guida Islamica, Ali Jannati, hanno firmato il protocollo esecutivo di collaborazione culturale  tra i due paesi.

Il documento prevede attività di cooperazione nel settore culturale quali l’istruzione, l’insegnamento della lingua, le borse di studio, la collaborazione interuniversitaria, l’organizzazione di mostre da allestire in entrambi i Paesi, l’organizzazione di eventi nell’ambito teatrale, musicale e cinematografico.

Per favorire la diffusione della cultura italiana in territorio iraniano, si mettono a disposizione premi per l’editoria e le traduzioni. È prevista anche la cooperazione nel settore del restauro, della conservazione e della ricerca archeologica, soprattutto attraverso lo scambio di informazioni, di pubblicazioni e di esperti, così come previsto dal Memorandum d’Intesa firmato a Teheran il 28 gennaio 2014. L’accordo auspica infine un’intensificazione della collaborazione nel settore dell’istruzione, dello sport e della protezione dei diritti d’autore.

“Il protocollo odierno – ha dichiarato il ministro Jannati – permetterà un ottimo lavoro in molti ambiti di collaborazione culturale, con particolare attenzione alla letteratura, al cinema, alla musica, all’archeologia e alle arti figurative, con mostre sia in Italia che in Iran. Ambiti talmente vasti che fanno prevedere il coinvolgimento non solo del settore statale, ma anche di quello privato”.

“Siamo molto orgogliosi della firma di questo accordo –  ha aggiunto Franceschini al termine della cerimonia – perché, oltre a rinnovare gli intensi rapporti culturali tra i nostri due paesi, ci offre l’occasione di rivolgere una comune sollecitazione alla comunità internazionale, condivisa dal ministro Jannati, affinché venga difeso il patrimonio culturale colpito dalla furia cieca del terrorismo”.

Pubblicato in Arte
Maurizio Riccardi

Sito web: www.maurizioriccardi.it

Fotografo, giornalista, direttore del Gruppo AGR, di cui fanno parte: l'agenzia fotografica AGR, il magazine online Agrpress.it, l'Archivio Riccardi, la sezione Audiovsivi / web e la sezione Comunicazione.
Nasce a Roma nel 1960, si può dire nella camera oscura del padre, anche lui noto fotografo della "Dolce Vita". 

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI