Stampa questa pagina

Al via a Crotone Segni di Vita, il primo festival del cinema documentario

Al via a Crotone Segni di Vita, il primo festival del cinema documentario
In programma a Le Castella, Crotone, dal 23 al 28 giugno 2015 “Segni di Vita”, il primo festival del cinema documentario.

Cinque i documentari in competizione che indagano sull’uomo e sulle capacità degli uomini di relazionarsi con la natura e l’ambiente circostanti. Cinque i registi, italiani e internazionali, che raccontano altrettante storie di viaggi: il cammino di Roberto, alla ricerca delle sue radici, per il film di Danilo Monte; le miniere sarde di Valentina Pedicini; il profondo legame di Janusz con l’acqua, nel film Deep love; il sentiero segnato dal Danubio del regista Cristian Cappucci e i meandri di una Napoli mai vista nel lavoro di Gaetano di Vaio.

Il festival nasce in un territorio nuovo al linguaggio del documentario e intende offrire spunti di riflessione in una terra dilaniata dalla mafia e dall'abbandono. Segni di vita infatti è un festival nato dalla terra, per la terra, con una finestra aperta alle nuove pratiche di vita.

Nel programma, non solo cinema ma anche performance, seminari e workshop con professionisti del cinema, riflessioni e dibattiti sui nuovi modelli per vivere il territorio. Professionisti del settore della sostenibilità, dei nuovi modelli economici e del turismo sostenibile si confronteranno sulle realtà del territorio. Location scelta per il festival è Il Castello de Le Castella, frazione di Isola di Capo Rizzuto, Crotone, già set di film importanti quali "Il vangelo secondo Matteo" di Pier Paolo Pasolini e "L'armata Brancaleone” di Mario Monicelli. L'evento è a cura della Proloco Le Castella e Another beach project, progetto di rivalutazione del territorio calabrese rivolto all’uomo e al suo benessere, nel rispetto della natura, con l'intento di cambiare il territorio a partire dal territorio, imparando a valorizzare al meglio le proprie risorse.

 

 

Letto 1115 volte

Ultima modifica il Giovedì, 28/05/2015

Lea Ricciardi

Lea si occupa di tutto quello che ruota attorno al mondo della comunicazione da diversi anni.
Appassionata di vini e affini, e' diplomata sommelier AIS.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI