Stampa questa pagina

Morto Cesare Maldini. Il mondo del calcio saluta l'ex campione rossonero

Cesare Maldini nel 1963 Cesare Maldini nel 1963
Cesare Maldini non c’è più.

L’ex giocatore rossonero e allenatore azzurro se n'è andato all’età di ottantaquattro anni.  E’ stato - nel lontano 1963 - il primo italiano a sollevare la Coppa dei Campioni, lo storico vice di Enzo Bearzot ai “leggendari” Mondiali dell’82, allenatore dell'Under 21 tre volte Campione d'Europa fra il ’92 e il ’96, commissario tecnico della Nazionale per gli Europei del ‘96 e per i Mondiali di Francia del ’98. La notizia della sua morte è arrivata poco prima dell’alba di domenica 3 aprile 2016 attraverso un comunicato della famiglia. Cesare Maldini è stato una “bandiera” per il Milan, così come poi lo sarebbe stato suo figlio Paolo a partire dagli anni Novanta.

Nato a Trieste nel 1932, dopo aver esordito - nel ’52 - con la maglia della Triestina, passa al Milan nel ‘54 e, da difensore, gioca fino al ‘66. Quattro anni avanti, con Nereo Rocco allenatore, aveva sollevato la Coppa dei Campioni, primo italiano nella storia del calcio, dopo una partita giocata nello stadio di Wembley. Una partita terminata con la vittoria contro il Benfica del grande Eusebio.

Con i rossoneri vince anche quattro scudetti. Dal ‘67, conclusa la carriera da calciatore - l’ultima stagione la gioca con il Torino - diventa allenatore, dapprima al Milan come vice di Nereo Rocco per tre stagioni, poi al Foggia, alla Ternana e al Parma, che porterà dalla C1 alla serie B. Dall’80 all’86 è allenatore in seconda di Enzo Bearzot e in questo periodo troviamo anche i già citati Mondiali ’82. Dopodiché passa all'Under 21, con cui, è per tre volte consecutive campione europeo. Nel ‘96 va alla guida della Nazionale, che lascerà due anni dopo, in seguito all'eliminazione subita dalla Francia, che vincerà i Mondiali del ’98.

Dopo l'esperienza mondiale da commissario tecnico, Cesare Maldini diventa capo coordinatore degli osservatori del Milan, siede sulla panchina rossonera come direttore tecnico. Alla soglia dei settant’anni, nel 2001 diventa il commissario tecnico del Paraguay e lo guida fino ai Mondiali del 2002 portandolo fino alla sfida degli ottavi di finale persa contro la Germania. Negli ultimi anni ha lavorato anche come commentatore sportivo per Al Jazeera.

In omaggio a Cesare Maldini, il 3 aprile 2016 tutto il campionato ha osservato un minuto di silenzio e il suo Milan ha giocato con il lutto al braccio.

 
 
 
Pubblicato in Sport

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI