Stampa questa pagina

Al via la VII edizione del Festival dell’Autobiografia di Anghiari

il Festival dell'Autobiografia di Anghiari il Festival dell'Autobiografia di Anghiari
"I dove della vita. Luoghi e non luoghi". Partirà venerdì 1 settembre 2017, la VII edizione del Festival dell’Autobiografia di Anghiari (AR).

La più importante manifestazione italiana, dedicata alla scrittura di sé, in questa edizione racconterà ed approfondirà il tema del luogo e, fino a domenica 3 settembre, tornerà ad animare lo splendido borgo toscano con un fitto calendario di incontri, presentazioni e tavole rotonde.

L’apertura (ore 15.00) sarà affidata ad Alessandro Polcri (Sindaco di Anghiari), Stefania Bolletti (Presidente della Libera Università dell’Autobiografia) e Duccio Demetrio (Direttore scientifico della Libera Università dell’Autobiografia e della manifestazione), i quali racconteranno il progetto della Libera Università dell'Autobiografia vent'anni dopo la sua fondazione. Seguirà la relazione introduttiva di Raffaele Milani, Filosofie del paesaggio e dei luoghi.

Alle 18.00 protagonista dell’incontro Poetiche di terre e campagne, poetiche metropolitane (a cura di Angelo Andreotti e Stefano Raimondi, con Valeria Manzi e Silvia Comoglio) sarà la poesia.

Luoghi immaginari e reali - di ieri e di oggi -, spazi infiniti e dai confini chiusi che, attraverso la scrittura, vengono rievocati, narrati o anche semplicemente compresi, come verrà illustrato nella tavola rotonda Lo spazio vissuto nel pensiero autobiografico, presentata da Giorgio Macario ed a cui parteciperanno Micaela Castiglioni, Stefano Ferrari e Fabrizio Scrivano.

Infine, alle 21.00 le campagne, le pianure, le montagne e le città saranno l’argomento della maratona notturna con Gilberto Bettinelli, Ludovica Danieli, Ivana De Toni, Umberto Maiocchi e Lucia Portis.

Particolarmente numerosi gli appuntamenti di sabato 2 settembre, che cominceranno alle 9 del mattino per proseguire fino a tarda sera.

Fra i numerosi momenti, ci si avventurerà nei luoghi metaforici dell’infanzia e della crescita con gli scrittori Mauro Covacich e Alberto Rollo, autori de La città interiore (La Nave di Teseo, 2017) e Un’educazione milanese (Manni, 2016), con il giornalista e scrittore Alessandro Zaccuri nell’incontro I dove dell’educazione, e con il celebre entomologo Gianumberto Accinelli, che nel suo appuntamento Care bambine e bambini, anche gli insetti hanno una casa si rivolge direttamente ai più piccoli.

 

 

 

 

 

 

 

 

Spazio alla riflessione sui luoghi “altri”: quelli della migrazione, delle disabilità, della reclusione, dei confini. In cella racconterà l’esperienza di poeti e autobiografi dell'istituto penitenziario di Milano Opera, ed Angelo Ferrarini presenterà "Per qualche metro e un po’ d’amore in più", il progetto finanziato dal crowdfunding che raccoglie oltre duecento testi provenienti da oltre sessanta carceri italiane e una ventina di scuole superiori. Al concetto di identità sono dedicati i due incontri Migrazioni, luoghi, appartenenze e Gli altrove, mentre Dis-luoghi è il titolo dell’appuntamento sulla scrittura nella disabilità.

La giornata si concluderà alle 21.30 al Teatro di Anghiari con lo spettacolo Un mistero di sogni avverati, interpretato da Massimiliano Larocca, Riccardo Tesi e Antonio Gramentieri (Sacri Cuori). 

 

Pubblicato in Editoria
Alberto Esposito

Giornalista pubblicista iscritto all'Albo dei Pubblicisti del Lazio da Marzo 2004.
Si occupa di montaggio, postproduzione, dirette televisive, registrazioni in studio, editing audio e video.
Collabora ed ha collaborato con diversi quotidiani tra cui Italia Sera, La voce e Il Romanista

Articoli correlati (da tag)