Stampa questa pagina

“L’avventura” di Michelangelo Antonioni all’Armonia dei Contrari

Gabriele Ferzetti e Monica Vitti ne "L'avventura" Gabriele Ferzetti e Monica Vitti ne "L'avventura"
Verrà proiettato venerdì 26 gennaio 2018 alle 20.30 presso l’Associazione Culturale “Armonia dei Contrari” - viale dei Quattro venti 38, in zona Monteverde, non lontano da piazza Francesco Cucchi - a Roma il film di Michelangelo Antonioni “L’avventura”, interpretato da Monica Vitti, Gabriele Ferzetti e Lea Massari.

In arrivo il secondo appuntamento del 2018 con il cineforum a cura di Matteo Colibazzi, intitolato Aperitivo con Michelangelo Antonioni.

«Ho con me ventimila metri di negativo, ho la macchina da presa e pochi amici: Monica Vitti, i miei aiuti Franco Indovina e Gianni Arduini, lo scenografo Piero Poletto, l’operatore Aldo Scavarda, il fonico Claudio Maielli. Ecco la mia troupe. I soli pronti a seguirmi con qualsiasi mare, contro qualsiasi ostacolo materiale e morale, per non fermare il film». (Michelangelo Antonioni)

In occasione di una gita in barca alle isole Eolie, nel corso di una sosta sull'isolotto deserto di Lisca Bianca, Anna (Lea Massari), una giovane donna che aveva dato ripetuti segni di insofferenza, scompare nel nulla. Il suo compagno, l’architetto Sandro (Gabriele Ferzetti) ed una sua amica, Claudia (Monica Vitti),  si mettono subito alla sua ricerca, seguendo labili indizi e segnalazioni non molto attendibili. A poco a poco, con il trascorrere dei giorni,  in mancanza di risultati, la preoccupazione per la sorte di Anna, persona cara ad entrambi, tenderà a svanire, mentre a prender il sopravvento sarà la reciproca attrazione.

Nomination 1961 al British Academy Film Award come Miglior Film e Migliore attrice straniera, L'avventura fu premiato al XIII Festival di Cannes (la Palma d’Oro andrà a La dolce vita di Federico Fellini), dove Michelangelo Antonioni (1912-2007) ricevette il Premio della Giuria. In quell’occasione Roberto Rossellini definì L’avventura come «il più bel film mai presentato a un festival». Nominato a vari Nastri d’Argento - vincerà quello per le musiche (Giovanni Fusco) - il film rappresenta il primo capitolo della celebre trilogia nota come “ trilogia esistenziale” o “trilogia dell'incomunicabilità”, proseguita con La notte (1961), interpretato da Marcello Mastroianni, Jeanne Moreau e Monica Vitti e L'eclisse (1962), con Alain Delon, Monica Vitti e Francisco Rabal.

Nel 2009 il Festival di Cannes, per il poster ufficiale di quell’edizione sceglierà prioprio un fotogramma de L’avventura.

Il film, che con i suoi 145 minuti è il più lungo di Michelangelo Antonioni, segna l’inizio del sodalizio fra grande regista ferrarese e Monica Vitti (oltre ai già citati La notte e L’eclisse, ricordiamo Deserto rosso - 1964 -, con il grande Richard Harris - il futuro “uomo chiamato cavallo” - e Il mistero di Oberwald - 1980 -, con Franco Branciaroli e Paolo Bonacelli). Alcune scene furono girate a Schisina, un piccolo “villaggio fantasma” nel comune di Francavilla di Sicilia (ME), nella valle dell’Alcantara. Altre a Castelvecchio Siculo (ME).

La movimentata realizzazione del film («cinque mesi straordinari: violenti, logoranti, spesso drammatici, ma pieni»), segnata dall’isolamento, dalla sparizione di alcuni produttori, da uno sciopero della troupe per le mancate retribuzioni e dal violento maltempo, è stata raccontata dallo stesso Antonioni in un diario contenuto nel volume (a cura di Vittorio Giacci) L’avventura, ovvero l’isola che c’è.

 

 

Pubblicato in Cinema

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI