Stampa questa pagina

Recensione libro “Napolitudine” De Crescenzo - Siani

Recensione libro “Napolitudine” De Crescenzo - Siani
Cinquant’anni di differenza,  con un sentimento da condividere. Si tratta di Luciano De Crescenzo e Alessandro Siani, che hanno scritto un libro per tentare di spiegare quella sensazione che vive chi si trova lontano da Napoli. 

Napolitudine, appunto. Parola composta da “Napoli” e “latitudine”, che viene tenuta insieme da un collante, la malinconia. Ma, i due autori napoletani costruiscono dei dialoghi filosofici in cui affrontano anche altri temi, come la felicità, il caos e il caso, le canzoni nonché argomenti che caratterizzano la società contemporanea come ad esempio la tecnologia e  la schiavitù imposta da social network e smartphone.

insomma, un libro composto da dialoghi leggeri e semiseri che alla fine inducono alla riflessione e anche al sorriso. Tutto comincia quando Siani telefona a De Crescenzo per comunicargli la sua intenzione di portare in teatro Così parlò Bellavista, il  primo libro pubblicato dallo scrittore-ingegnere. A De Crescenzo l’idea piace, Siani lo raggiunge a Roma e seduti al tavolino del bar sotto casa, cominciano a scambiarsi considerazioni varie. Sono le considerazioni che vengono riportate nel libro.

Un capitolo è dedicato alla felicità. “La felicità, dice Siani, è una sensazione di benessere che ti scoppia dentro l’anima. Questo vale sia per un napoletano sia per un eschimese”. Per De Crescenzo “la felicità coincide con il minimo della sofferenza: non è mai il massimo del piacere. In questo modo abbiamo maggiori possibilità di essere felici”.

In un altro capitolo, invece, si affrontano le differenze tra il nord ed il sud. Spiega De Crescenzo che ai tempi in cui viveva a Milano, impiegato IBM, “il weekend era sacro, a Napoli, invece,  era una parola straniera della quale i più non conoscevano neanche il significato”. “La verità, risponde Siani, è che noi partiamo svantaggiati. A Milano hanno Piazza Affari, mentre noi a Napoli ci dobbiamo accontentare di Piazza Carità”.

E via di questo passo. Alle lezioni di De Crescenzo seguono le “chiusure” di Siani.

Da segnalare l’immagine sulla copertina, si tratta di un vecchio disegno di De Crescenzo raffigurante due pini umanizzati che si parlano, come due vecchi amici.

Napolitudine – Dialoghi sulla vita, la felicità e la smania è turnà di Luciano De Crescenzo e Alessandro Siani edito da Mondadori, 17 euro.

Pubblicato in Editoria

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI