Stampa questa pagina

“Storie di Torino” di Franco Ricciardiello

“Storie di Torino” di Franco Ricciardiello
In libreria da ottobre 2018 il libro di Franco Ricciardiello “Storie di Torino” (Odoya).

«Senza l’Italia, Torino sarebbe più o meno la stessa cosa. Ma senza Torino, l’Italia sarebbe molto diversa» (Umberto Eco)

«Torino era una città da penetrare: ogni antro, con vetrina o senza, buio o illuminato, aveva in fondo un mistero… Una città così pulita, diritta, castigata» (Rossana Ombres, Baiadera)

Che Torino sia la città più europea d’Italia appare evidente allo straniero appena arrivato. Città tardiva, chiusa per secoli in un quadrilatero di mura che rappresenta una frazione minima della superfice odierna, è cresciuta con un’espansione programmata, quartiere dopo quartiere, proseguendo in lunghe linee rette la centuriazione romana del I secolo d. c: una griglia virtuale sovrapposta a un angolo di pianura protetto dalla confluenza di due fiumi (il Po e la Dora Riparia).

Nel corso dei decenni, l’ampliamento della città raggiunge i fiumi, le colline, i laghi e tutti gli altri confini naturali. L’espansione di Torino attorno al quadrilatero romano è un fatto tardivo. Oggi sembra quasi incredibile che la città abbia raggiunto la riva del Po solo due secoli fa, dopo la Restaurazione (1815), quando la Francia rivoluzionaria abbatté le mura e le porte romane.

L’espansione fisica ha coinciso con la trasformazione del suo temperamento prevalente, da militare a industriale. Oggi, nell’epoca della post industrializzazione, la sua identità appare sfuggente, difficile da definire, come sa, da brava piemontese, non volesse mettersi in mostra.

La maggior parte delle Storie di Torino è di autori, registi e musicisti italiani, ma si ramifica in una vasta geografia di riferimenti, a loro volta intrecciati in una gran quantità di direzioni. Se nella cultura italiana la città ha un posto apparentemente (ma solo apparentemente) secondario, è un fatto contingente dovuto solo a determinati aspetti del carattere (generalmente riservato ed “allergico” all’ostentazione) dei suoi abitanti. Una “questione antropologica”. Il libro racconta soprattutto “Storie” di letteratura, cinema e musica.

Franco Ricciardiello comincia a pubblicare fantascienza all’età di ventuno anni. Nel 1998 vince il Premio Urania per il miglior romanzo di fantascienza italiano con Ai margini del caos (Mondadori), in Francia tradotto da Flammarion. Per quasi vent’anni ha insegnato Scrittura creativa a Vercelli, Biella e Genova, e tiene seminari sulla letteratura a Torino, Novara e Cosenza. Ha collaborato all’enciclopedia a dispense Scrivere (Rizzoli) con una serie di schede su celebri opere della letteratura mondiale e con il volume dedicato allo “Stile letterario”. Ha al suo attivo tre romanzi di fantascienza, due gialli, un thriller e un romanzo contemporaneo, più tre volumi che raccolgono la maggior parte dei suoi racconti apparsi in riviste ed antologie in Italia, Francia, Grecia e Argentina. Ha inoltre pubblicato il romanzo Nell’ombra della luna (Meridiano Zero, 2018). Per Odoya ha pubblicato anche Storie di Parigi (2017) e Storie di Venezia (2017).  

Storie di Torino di Franco Ricciardiello, pubblicato da Odoya (Bologna), è disponibile in libreria e online da ottobre 2018.

 

 

Pubblicato in Editoria

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI