Stampa questa pagina

My life di Mirko Corradini debutta al Teatro de’ Servi

My life di Mirko Corradini debutta al Teatro de’ Servi
Ha debuttato lunedì 17 febbraio 2020 al Teatro de’ Servi - via del Mortaro 22, all’angolo con via del Tritone - a Roma la pièce di Mirko Corradini “My life”, regia di M. Corradini, ed interpretata da Laurent Gjeci e Emilia Bonomi.

«My life è uno spettacolo che parla di vita; tutto ciò può sembrare un paradosso perché questo testo teatrale inizia con una dichiarazione contraria: a Bob, il protagonista, viene comunicata la sua morte imminente. Fin dalle battute iniziali noi sappiamo ciò che accadrà a Bob. Ma è proprio qua che nasce il bisogno di dare una svolta alla sua esistenza, di succhiarne il midollo, l’essenza. Egli ha bisogno di vivere al massimo tutto ciò che gli resta anche a causa del fatto che è in attesa della nascita di un figlio. “My life” dunque narra del sottile equilibrio fra vita e morte, fra chi dovrà nascere e chi invece è in procinto di morire, è un grido d’amore nei confronti della vita, My life ci porta a riflettere e ad apprezzare la fragile bellezza dell’esistenza» (Mirko Corradini)

In scena al Teatro de’ Servi, nell’ambito della stagione “Fuoriclasse” dedicata alla drammaturgia contemporanea in collaborazione con il Teatro Spazio 18B (via Rosa Raimondi Garibaldi 18/b, in zona Garbatella) My life, toccante spettacolo scritto e diretto da Mirko Corradini.

A Bob, un uomo felicemente sposato ed all’apice del successo professionale viene diagnosticato un tumore in stadio avanzato. È in attesa del suo primo figlio, e comprende che non riuscirà a vederlo crescere. Bob non si arrende: vuole esser presente nella vita di suo figlio e comincia così a girare dei filmati per farsi conoscere da quel bimbo che verrà e per dargli consigli per quando sarà un adulto, come farebbe se avesse la possibilità di rimanergli accanto. Il tempo corre lungo due percorsi paralleli che sembrano andare in direzioni opposte, l’uno verso la morte, l’altro verso la nascita e la vita. Ma Bob riuscirà a trovare un punto di contatto fra queste due dimensioni.

Il linguaggio si ispira armoniosamente sia alla dimensione dei sogni sia a quella della verità delle emozioni umane. Non è uno spettacolo che offre soluzioni, bensì uno spettacolo sulla Vita, che affronta una ricerca sull’uomo, sulle dinamiche e sulle paure che governano il suo agire, sui sogni che non si realizzano e scompaiono per lasciar posto ad altri sogni; narra dell’amore per la vita e per un figlio che deve ancora nascere. Di fronte allo choc della malattia, Bob fa una scelta, tenta delle azioni, si entusiasma, si abbatte, corre, si ferma, sbaglia, comprende, perde, ritrova. Messa in rapporto con una nascita, la malattia si tinge di colori inaspettati, si trasforma in viaggio nella scoperta, vive una forma di quella vita che le sarà negata.

My life di Mirko Corradini (regia: M. Corradini; assistente alla regia: Nicola Piffer; interpreti: Laurent Gjeci, Emilia Bonomi; tecnico: N. Piffer, organizzazione: Mattia Bertolini) rimarrà in scena al Teatro de’ Servi fino a mercoledì 19 febbraio 2020.

Letto 498 volte

Ultima modifica il Martedì, 18/02/2020

Pubblicato in Teatro

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da oltre quindici anni, ha lavorato come battitore e segretario di produzione per un documentario su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore e con la Dino Audino Editore. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e collaboratore alle vendite in occasione di presentazioni, incontri, dibattiti e fiere librarie.