Stampa questa pagina

1 Picasso per 100 euro

1 Picasso per 100 euro
Dal museo Picasso di Parigi direttamente a casa vostra. È il viaggio che potrebbe fare un quadro del genio spagnolo semplicemente acquistando un biglietto della lotteria internazionale volta a raccogliere fondi per un importante progetto umanitario di accesso all’acqua in Africa.

1 Picasso per 100 euro permetterà infatti al fortunato vincitore di avere un’opera del grande artista e contribuire alla crescita e allo sviluppo di circa 200 mila persone.

Il 30 marzo a Parigi, sarà estratto il biglietto vincente per ricevere la Natura morta di Pablo Picasso del 1921, un olio su tela valutato dagli esperti ad 1 milione di euro.

«Venderemo in totale al massimo 200 mila biglietti che è l’obiettivo molto ambizioso che ci siamo prefissati anche nel regolamento della lotteria» ha dichiarato Péri Cochin, iniziatrice del progetto. «Al momento siamo a metà strada. L’estrazione si terrà a Parigi lunedì 30 marzo con la proclamazione del vincitore. Gli esperti vedono positivamente l’esposizione più lunga del dipinto presso il museo Picasso di Parigi, che inevitabilmente si ripercuoterà sul valore dell’opera d’arte attualmente stimato in un milione di euro».

L’iniziativa è organizzata per finanziare un progetto dell’ONG CARE di accesso all’acqua e all’igiene in Camerun, Madagascar e nelle zone più povere del Marocco. Questa azione si svilupperà prevalentemente nelle scuole.

«Stiamo cercando nuove modalità per sostenere i nostri progetti», ha spiegato Philippe Lévêque, direttore di CARE France. «L'accesso all'acqua è un motore di sviluppo incredibile! Portare l'acqua pulita nelle scuole fa sì che le ragazze potranno avere la possibilità di studiare. Il tempo che le donne impiegano in Africa alla ricerca dell’acqua pulita è tempo prezioso che sottraggono alla loro vita quotidiana e alla loro educazione».

Le informazioni sullo stato di avanzamento delle attività e dei lavori saranno regolarmente rese disponibili online nel corso del progetto e un’analisi di impatto sarà realizzata a conclusione dell’attività.

La lotteria ha l’autorizzazione della Prefettura di Polizia di Parigi e del Ministero delle Finanze, Ministero dell'Interno e del Ministero degli Esteri francese. L’Administration Picasso e la Successione Picasso hanno vagliato tutta l’operazione. Il fortunato vincitore si vedrà recapitare il dipinto all’indirizzo indicato. Le spese di spedizione, d’assicurazione, IVA e dogana sono a carico degli organizzatori del concorso fino alla consegna del quadro al nuovo proprietario. Non ci saranno quindi costi a carico di un eventuale vincitore italiano.

La scorsa edizione di 1 Picasso per 100 euro si è svolta nel 2013 ed è stata vinta da Jeffrey Gonano, un americano di 25 anni di Wexford (Pennsylvania, USA), impiegato in un'azienda di impianti antincendio, che si è aggiudicato L'Homme au Gibus, un acquarello su carta di Picasso del 1914.

I fondi raccolti durante la prima edizione, per un totale di 4,8 milioni di euro, sono stati devoluti all’Associazione Internazionale per la Salvaguardia di Tiro ed utilizzati per costruire un villaggio artigianale alla periferia di Tiro, antica città del sud del Libano e patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Per partecipare alla lotteria e cercare di aggiudicarsi il prezioso dipinto è sufficiente acquistare sul sito www.1picasso100euros.com un biglietto al prezzo di 100 euro e aspettare la data di estrazione ufficiale che avverrà a Parigi presso Christie's, sotto la supervisione di un ufficiale giudiziario del Tribunale e alla presenza della stampa internazionale. Inoltre, sarà possibile seguire l’estrazione anche in streaming online.

Il sorteggio, previsto inizialmente lunedì 6 gennaio 2020, è stato posticipato al 30 marzo in accordo con la Prefettura di Polizia di Parigi con l’obiettivo di raccogliere il massimo di fondi a favore di CARE, un’associazione no profit di solidarietà internazionale fondata nel 1945 e presente in 100 paesi al mondo.

Chi parteciperà alla lotteria sarà sempre vincente: o si vedrà recapitare a casa un Picasso o, se non otterrà il quadro, avrà comunque aiutato a finanziare un importante progetto umanitario.

Per maggiori informazioni: 1picasso100euros.com e www.carefrance.org

Pubblicato in Arte
Cristina Biordi

Giornalista professionista, documentarista, curatrice di mostre, appassionata ed esperta d’arte, cinema, teatro, letteratura, fotografia, enogastronomia, con 15 anni d’esperienza nel settore dell’energia e dell’ecologia. Ovvero: è terribilmente curiosa! Dalla Città Eterna si è trasferita nella Ville Lumière, dove è titolare dell’agenzia Labi communication, e come Joséphine Baker ha due amori: l’Italia e Paris. 

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti. Accettando o continuando a navigare su questo sito con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare tali dati. MAGGIORI INFORMAZIONI